I giovani e la giusta informazione: siglato accordo tra scuola, stampa locale e istituzioni

Comunicare correttamente e distinguere le notizie vere da quelle false, al via in autunno gli incontri tra studenti e giornalisti

I soggetti firmatari del protocollo

Una bussola nella marea dell’informazione e della disinformazione, uno strumento utile e pratico per le nuove generazioni per fare chiarezza nella tempesta delle notizie continue. È quello che vuole essere la collaborazione, sottoscritta nella giornata di giovedì 9 luglio 2020, tra la Prefettura di Sondrio, l’Ufficio scolastico territoriale e gli organi di stampa di Valtellina e Valchiavenna.

Un progetto, ideato dall’ex prefetto di Sondrio, Paola Spena, e piacevolmente sposato dal suo successore, Giuseppe Pasquariello, che prenderà corpo nel prossimo autunno e vedrà coinvolti gli studenti delle scuola secondarie di secondo grado ed i giornalisti delle proncipali testate della provincia. Un momento di confronto attento, focalizzato su cosa voglia dire informare al giorno d'oggi, nella speranza di poter concorrere alla formazione di cittadini attenti e capaci di distinguere il vero dal falso.

«Vogliamo aiutare i nostri giovani nella loro formazione perchè possano avere consapevolezza del proprio ruolo e sviluppare capacità critica, orientandosi tra informazione e disinformazione, tra ciò che è bene e ciò che è male. Avendo sempre consapevolezza di cosa gli accade attorno» ha spiegato il prefetto di Sondrio Pasquariello.

«C’è bisogno di coesione sociale. I giovani sono la nostra speranza, spetta a noi migliorarne le condizioni per allontanarli dalle tentazioni subdole e frequenti che ci fanno preoccupare» ha aggiunto il prefetto.

«Quella siglata oggi è un’alleanza importantissima perché il mondo della comunicazione sta diventando un rischio che confonde e non aiuta i ragazzi, bombardati da notizie che generano confusione piuttosto che spirito critico» ha evidenziato il dirigente scolastico provinciale, Fabio Molinari.

«C’è un terribile impoverimento del linguaggio. I giovani non sanno distinguere quali sono i tipi di comunicazione. Manca uno spirito critico perché tutto oggi è straordinariamente banalizzato e rischiamo una sorta di ignoranza di ritorno. Il ruolo dei professionisti dell’informazione sarà fondamentale per scongiurare tutto ciò» ha concluso Molinari.

Le testate giornalistiche locali che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa insieme a SondrioToday sono Centro Valle, Il Giorno, Il settimanale della Diocesi di Como, La Provincia di Sondrio, Telemonteneve, Teleunica, Tele Sondrio News e Valnews.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga, arrestati quattro insospettabili

  • Ecco l'autunno: freddo, neve e grandine in provincia di Sondrio

  • Coronavirus a scuola, una nuova classe in quarantena a Valfurva

  • Coronavirus, nuovo caso all'Alberti di Bormio: un'altra classe in quarantena

  • Coronavirus, crescono i casi di positività in Valtellina e Valchiavenna

  • Coronavirus, al Morelli ricoverati sopratutto anziani delle case di riposo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento