Martedì, 21 Settembre 2021
Attualità

Accoglienza ed inclusione, l'accordo tra carabinieri e Anffas per i minori autistici

Firmato il protocollo di intesa "Sondrio autism friendly" per agevolare la comunicazione in caso di emergenza oltre che educare i minori all’autonomia, preparandoli alla circolazione autonoma nel contesto urbano

Da sinistra Corrado Menesatti, Emanuele De Ciuceis e Giovanni Battista Balsamo

Accogliere ed includere, migliorando l'interazione con i minori affetti da autismo anche nelle situazioni di emergenza. Sono questi gli obiettivi del protocollo di intesa "Sondrio autism friendly", sottoscritto lungo la mattinata di venerdì 10 settembre, dai carabinieri del comando provinciale di Sondrio insieme ad Anffas Onlus, per mano del colonnello Emanuele De Ciuceis e del dottor Corrado Menesatti, presidente dell'associazione dedita alla disabilità.

Il progetto nasce dalla volontà di educare i minori all’autonomia, preparandoli alla circolazione autonoma nel contesto urbano del proprio territorio. Per fare ciò è stato ritenuta strategica la formazione delle persone che ricoprono ruoli a contatto con il pubblico, coinvolgendo oltre che le forze dell'ordine ed i vigili del fuoco le intere categorie lavorative di ogni settore della Provincia di Sondrio.

La prima sottoscrizione è con l'Arma dei carabinieri. Un accordo della durata di 3 anni, primo nel suo genere in terra lombarda, pensato anche per fornire ai militari uno strumento concreto ed immediato per entrare in relazione con i ragazzi con asd (disturbo dello spettro autistico). Nasce così dalla collaborazione un fascicolo operativo, composto da diverse schede sulle quali numerose icone utili, oltre che suggerire ai carabinieri come comportarsi in determinate situazioni, permette di rendere la comunicazione efficace: dall'incendio all'incidente stradale, dall'intervento durante un dissidio familiare all'assistenza nei bisogni primari.

SCHEDE OPERATIVE-2

"Abbiamo pensato ad uno strumento funzionale, costruito grazie al software 'Geko kit autistmo', che permetta ai carabinieri di accompagnare i minori con autismo nelle situazioni di sovraccarico sensoriale" ha spiegato il professor Giovanni Battista Balsamo di Anffas Sondrio, ideatore dell'opuscolo operativo. Nelle settimane passate i carabinieri del comando provinciale hanno partecipato ad alcuni momenti di formazione per prendere contatto con l'autismo e con i nuovi strumenti messi a disposizione grazie all'accordo con Anffas. Un progetto pilota importante, fortemente apprezzato dal comando generale dell'Arma dei carabinieri di Roma, perchè "pensare come una persona autistica permette di salvare vite".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoglienza ed inclusione, l'accordo tra carabinieri e Anffas per i minori autistici

SondrioToday è in caricamento