menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza e territorio: viaggia deciso l'operato del Prefetto Pasquariello sulla protezione civile

Il titolare della Prefettura, accompagnato dai suoi dirigenti e dal Comandante provinciale dei Vigili del fuoco, ha fatto visita alla Comunità Montana di Sondrio incontrando tutti i sindaci del mandamento

Nella giornata di martedì 28 gennaio 2020 il Prefetto di Sondrio, accompagnato dai dirigenti della Prefettura e dal Comandante provinciale dei Vigili del fuoco ha fatto visita alla Comunità Montana di Sondrio.

All'incontro hanno partecipato il Presidente della CM, Tiziano Maffezzini, il Sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, oltre ad altri 21 Sindaci del mandamento. Un momento riservato dedicato ad un confronto personale e diretto con i gli amministratori locali utile, inoltre, a conoscere meglio il territorio.

Il Prefetto ha illustrato, quale obiettivo prioritario e significativo della propria azione istituzionale, la volontà di avviare e mantenere nel tempo un rapporto qualificato e costante con tutti i rappresentanti delle singole comunità territoriali, con la volontà di conoscere, approfondire ed affrontare talune tematiche di interesse comune, in particolare quello della protezione civile.

I sindaci e la protezione civile 

Sulla base dell’esito dell'analogo incontro tenutosi nei giorni scorsi presso la CM di Morbegno, il Prefetto ha in primis voluto sottolineare l’importanza di una formazione dei sindaci in materia di protezione civile, non solo per la necessità di avere tutti gli strumenti idonei a salvaguardare la sicurezza dei propri cittadini, ma anche per le responsabilità connesse alla funzione.

A tal riguardo ha anticipato l’invio di una missiva indirizzata a tutti gli Amministratori relativamente ad un Convegno che si terrà l’8 febbraio prossimo nel Comune di Lovero a cura dell’Uncem – Delegazione Lombarda e di A2A su responsabilità e compiti del Sindaco in caso di necessità, con il “caloroso” invito agli stessi a essere presenti personalmente o, comunque, a mezzo di propri “qualificati” rappresentanti.

Il Prefetto ha poi interpellato i presenti sulla situazione esistente nei rispettivi Comuni, relativamente all’esistenza e aggiornamento della pianificazione comunale, all’esistenza dei Centri Operativi Comunali (C.O.C.), di gruppi organizzati di protezione civile e alle situazioni di criticità di ciascun territorio.

Inoltre ha sottolineato la necessità di un’attività indirizzata a far conoscere alla popolazione i rischi esistenti sui rispettivi territori e sui comportamenti diretti all’autoprotezione (che devono essere puntualmente conosciuti in quanto differenti a seconda del tipo di emergenza che si dovesse verificare), nonchè all’importanza del coinvolgimento delle scuole e alla necessità di promuovere, anche a livello intercomunale, esercitazioni di protezione civile.

L'ipotesi

Pasquariello ha comunicato che è in corso di valutazione l’ipotesi di ridurre a 5, rispetto all’attuale previsione di 10, il numero dei Centri Operativi Misti,  facendoli coincidere con le 5 Comunità Montane nelle quali è suddivisa l’intera provincia, con sede presso le Comunità Montane stesse o altre sedi da esse individuate, anticipando di aver richiesto a tal fine al Ministero dell’Interno l’assegnazione di fondi per l’acquisto di moderni apparati per l’efficientamento delle comunicazioni radio, in uso all’Associazione Radioamatori (ARI).

Piano intercomunale di Protezione Civile

Per quanto riguarda la pianificazione di Protezione Civile, la Comunità Montana ha rappresentato che il Piano intercomunale di Protezione Civile, adottato nel 2004  ed approvato da tutti i Comuni in essa ricompresi (ed aggiornato parzialmente nel 2011 con cartografia online a disposizione anche di tutta la cittadinanza), è attualmente in fase di revisione che sarà ultimata agli inizi di aprile di quest’anno; tra aprile e maggio prossimi ci sarà poi, a cura di ciascun Comune, l’approvazione definitiva con la successiva pubblicazione sui rispettivi siti web dei contenuti del Piano e della cartografia, che saranno a disposizione di tutta la popolazione.

Nel corso dell’incontro sono emerse alcune esigenze comuni a più ambiti territoriali e che si possono così riassumere:

  • Richiesta alla Regione Lombardia di implementare i fondi e gli interventi per la manutenzione del reticolo idrico maggiore, per le quali i Comuni non hanno risorse e personale sufficienti per provvedervi direttamente;
  • Necessità di incrementare il numero di volontari appartenenti ai gruppi comunali ed intercomunali di protezione civile e di un loro ricambio, evidenziandosi una diminuzione della componente giovanile. Gruppi e associazioni sono presenti in quasi tutti i Comuni; quelli che ne sono sprovvisti sono convenzionati con la Comunità Montana, che si occupa anche della formazione dei singoli volontari;
  • Necessità di ottenere fondi regolarmente strutturati e costanti per manutenere tutte le opere, in particolare quelle idrauliche previste ed attuate grazie ai fondi provenienti dalla cd. Legge Valtellina, dopo l’alluvione del 1987;
  • Necessità di interventi in materia di viabilità in particolare legati all’esistenza di vari passaggi a livello con le connesse problematiche di sicurezza e di viabilità alternativa, e di ponti in alcuni casi non più idonei al nuovo tipo di traffico presente sulle strade;
  • Condizioni di vulnerabilità dovute all’esistenza di situazioni di dissesto idrogeologico per far fronte alle quali i singoli Comuni non hanno risorse sufficienti, col rischio che ciò possa determinare situazioni di costante pericolo per la popolazione interessata.

Le situazioni più critiche 

Sono state poi segnalate situazioni più specifiche, riguardanti per es. la frana di Spriana (Sindaco di Sondrio) o quella del torrente Finale (Sindaco di Berbenno) o del Torrente Valfontana (Sindaco di Chiuro) o ancora la frana nel comune di Caiolo (Sindaco). Tutte situazioni già conosciute e per le quali il Prefetto ha assicurato attenzione, riattivando laddove ritenuto opportuno i tavoli già esistenti (come per esempio il caso della frana di Spriana, che sarà trattato a breve con la partecipazione, oltre che dei Sindaci dei Comuni interessati, anche dei rappresentanti di Regione Lombardia e del Provveditorato Interregionale per le Opere pubbliche).

Segretari comunali

Altro tema trattato, e molto sentito dagli Amministratori locali, è stato quello dei segretari comunali. Il Prefetto ha ricordato che al riguardo ha informato tutti i Sindaci, con circolare del 16 gennaio 2020, circa le iniziative recentemente assunte dal Governo in ordine alle problematiche legate alla carenza delle figure professionali di cui si tratta, comunicando che il prossimo 19 febbraio si terrà in Prefettura una riunione con tutti i Segretari comunali della Provincia proprio per avere un confronto con i diretti interessati e per raccoglierne le istanze. 

Si è infine fatto cenno all’opportunità di implementare le modalità di collaborazione tra le Polizie locali dei Comuni facenti parte del comprensorio della Comunità Montana di Sondrio, privilegiando l’adesione a Corpi già strutturati, al fine di gestire al meglio il servizio.

Il Prefetto ha, infine, anche in questo incontro ribadito l’intenzione di far visita, nei prossimi mesi, alle singole realtà comunali per un contatto più diretto con gli amministratori locali e le relative comunità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento