rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Simbolo del territorio

Valtellina, ecco il tuo nuovo marchio

E' stato presentato oggi alla Camera di Commercio di Sondrio ed è stato definito "Un segno distintivo, un marchio territoriale e di qualità"

La "V" di Valtellina che racchiude in sè i diversi colori simbolo del territorio della provincia di Sondrio, dal verde della natura, al bianco delle piste da sci, passando per le altre tonalità che rappresentano bellezze ed eccellenze del territorio stesso nelle diverse stagioni dell'anno con un disegno dalle linee curve che, a loro volta, vogliono richiamare la conformazione del territorio e di alcuni dei suoi landmark più noti, come la salita allo Stelvio o i terrazzamenti.

E' stato presentato questa mattina alla sala Martinelli della Camera di Commercio di Sondrio il nuovo Marchio Valtellina, realizzado da Landor & Fitch, la stessa società che ha disegnato i loghi delle Olimpiadi di Milano-Cortina 2026. Un lavoro, quello della resa grafica del marchio, preceduto dalle analisi compiute a livello locale dalla società "Be Different" che ha interpellato 500 persone (437 studenti e 53 stakeholder su quali sono i valori che associano alla Valtellina) e poi dalla sintesi di questi "sentimenti popolari" effettuata da Tips Ricerche.

"E' stata una sfida - ha evidenziato Elena Lambertucci di Landor & Fitch - riuscire a condensare in un segno grafico la poliedricità del territorio della Valtellina e unire le sue anime differenti, dalle eccellenze enogastronomiche, alla montagna, dalla vocazione green alla multiesperienzialità. Abbiamo cercato di campionare i colori del territorio e di creare un elemento curvilineo che si ritrova in tanti alementi del territorio".

Come ottenere il marchio

Si tratta della terza "edizione" del Marchio Valtellina dopo quello realizzato nel 1982 e quello aggiornato e ridisegnato in vista dei campionati mondiali di sci di Bormio del 2005. Come ha sottolineato il segretario generale della Camera di Commercio Marco Bonat è stato eliminato il tariffario, dunque "il marchio non si paga, ma si merita".

Il marchio è stato registrato a livello italiano ed europeo e può essere concesso in 11 modalità (prima ce n'era solo una e cioè il possesso della certificazione di responsabilità sociale territoriale). Ora, oltre a questo, tra gli altri requisiti che portano all'ottenimento del bando, l'adesione a progetti emblematici di promozione territoriale, essere inclusi nell'elenco delle attività storiche a livello regionale, possedere certificazioni di qualità in campo ambientale, aver depositato dei brevetti, essere imprese altamente digitalizzate. Comunque tutte le modalità di concessione del marchio sono consultabili sul sito dedicato https:// marchiovaltellina.it dove è possibile anche presentare domanda per l'ottenimento del marchio stesso.

Il nuovo marchio Valtellina debutterà alla Bit di Milano dal 10 al 12 aprile e a esibirlo sarà Valtellina Turismo.

Nuovo marchio-1-2

Un marchio nostro

"Questo marchio è nostro perché è nato da noi: - ha spiegato la presidente della Camera di Commercio di Sondrio Loretta Credaro - rappresenta il territorio con le sue peculiarità. L'ambiente naturale, il patrimonio storico e artistico, le eccellenze agroalimentari, le antiche tradizioni e il tessuto produttivo: un progetto del territorio per il territorio pronto a iniziare un altro percorso, non meno impegnativo, quello della promozione". 

E, proprio a proposito della promozione, Sergio Schena, componente della Fondazione Milano-Cortina, ha ricordato come "non ha senso organizzare le Olimpiadi se non si comunica ed è dunque fondamentale avere un budget dedicato. Servono poi un ruolo specifico dei prodotti tipici ed è necessario effettuare un'analisi del target a cui vogliamo puntare. Intanto, questo nuovo marchio rappresenta già un simbolo di altissima condivisione territoriale per il lavoro di qualità effettuato e il coraggio mostrato".

Nuova fase

"Questo - ha fatto eco il presidente della Provincia Elio Moretti - è stato il primo cantiere aperto in vista delle Olimpiadi ed è stato già chiuso in maniera positiva e questo mi sembra di buon auspicio per tutti gli altri cantieri. Per colmare il gap con il resto del mondo c'è tanto da lavorare, ma ci stiamo impegnando molto. Il Marchio Valtellina rappresenta il nuovo vestito per quello che ci attende, una sfida che può cambiare le sorti di questa provincia".

"Con oggi si apre una fase nuova: - ha concluso Massimo Sertori, assessore agli enti locali, alla montagna e ai piccoli Comuni di Regione Lombardia - abbiamo l'opportunità di far conoscere la Valtellina in tutto il mondo, le sue bellezze, i suoi paesaggi e le emozioni che sa trasmettere, ma abbiamo anche una responsabilità nei confronti di tutta Italia. Il marchiio è un fondamentale strumento di comunicazione per far capire ai valtellinesi la straordinarietà che c'è dietro l'evento olimpico e che siamo tutti coinvolti. Bisogna quindi lavorare insieme senza anteporre eventuali simpatie o antipatie, ma puntando sulla qualità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valtellina, ecco il tuo nuovo marchio

SondrioToday è in caricamento