Valfurva, strada chiusa per la frana e Passo Gavia innevato: è polemica

Dopo la pioggia è arrivata la neve a complicare la situazione

Il passo Gavia innevato martedì 1 settembre 2020 (Webacam della Valle Camonica)

Ha generato non poche polemiche la decisione della Provincia di Sondrio di mantenere chiusa, in via precauzionale, visto il continuo movimento della frana del Ruinon dopo le piogge torrenziali dell'ultimo fine settimana, la Strada Proviniale 29 "del Gavia", nel tratto compreso tra il km 5+500 in località San Antonio ed il km 11+400, in località Santa Caterina, nel comune di Valfurva (leggi qui). 

Un malumore serrato, aggravato dalle condizioni meteo della ultime ore. «La località Santa Caterina è comunque raggiungibile dal versante bresciano della strada provinciale del Passo del Gavia, con veicoli aventi massa inferiore a 3,5 t» dice l'ordinanza del dirigente provinciale di lunedì 31 agosto 2020 ma già il risveglio del giorno seguente ha palesato tutti i limiti di tale considerazione, in un periodo dell'anno dove la neve in alta quota non è poi così un'idea remota.

Una delle tante lamentele

«Veramente non se ne può più...non voglio fare polemiche ma nell'ordinanza si ribadisce strada chiusa, chi deve fare controlli lo faccia ma io come tanti altri che lavorano a S.Caterina, cosa faccio? Tutte le mattine faccio Tirano, Aprica e Gavia x andare al lavoro? Chi deve scendere per motivi di salute o per altro a Bormio? E cosa ben più grave, se qualcuno sta male? Non voglio pensarci neanche! Che sia dal Comune, che sia dalla Provincia il problema va risolto e non con l'arrivo del freddo e della neve ma domani!!! Come abbiamo il dovere di pagare le tasse abbiamo il diritto di vivere» ha scritto un'abitante della zona su Facebook, ampiamente condiviso da tutta la popolazione della Valfurva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La posizione dell'Amministrazione comunale di Valfurva

«Stiamo sollecitando da alcuni giorni l’approvazione del nuovo piano con attivazione dei semafori e georadar. Purtroppo sino a poche ore fa mancava la firma di Arpa (non sappiamo i motivi del ritardo) cosa che è avvenuta nel tardo pomeriggio di oggi. Per quanto riguarda l’ordinanza di chiusura della sp 29 ci ha presi impreparati in quanto non eravamo stati avvisati, dal canto nostro abbiamo seri dubbi che sia totalmente giustificata. Detto ciò le lamentele da parte degli amministratori del Comune di Valfurva e da parte dei funzionari del nostro Ente sono costanti e continue, siamo tutti nella stessa situazione ed auspichiamo che si risolva tutto in poche ore, ripeto siamo abbastanza perplessi ma non ci demoralizziamo e continuiamo ad insistere perché si attui la nuova procedura. Come avevamo nei giorni scorsi ringraziato per i lavori svolti ora siamo a chiedere che la situazione torni al più presto alla normalità» ha commenta il vicesindaco di Valfurva, Luca Bellotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso tra i banchi in provincia di Sondrio: chiusa una classe a Chiuro

  • Droga, arrestati quattro insospettabili

  • Elezioni comunali 2020, al voto 8 comuni della provincia di Sondrio: lo spoglio in diretta

  • Coronavirus, in provincia di Sondrio gli studenti positivi sono due

  • Ecco l'autunno: freddo, neve e grandine in provincia di Sondrio

  • Elezioni Comunali 2020 a Talamona: risultati e consiglieri comunali eletti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento