rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Welfare di comunità

Grazie a "Più Gesti Positivi" scorte scolastiche per 180 famiglie

Ogni nucleo ha ricevuto un voucher da 100 euro da spendere nelle 10 cartolerie convenzionate grazie ai fondi stanziati da Sbrighes!, Più segni positivi e dalle stesse cartolerie

Un esempio di welfare di comunità. come lo ha definito Massimo Bevilacqua, direttore del consorzio Sol.Co.: è Più Gesti positivi, iniziativa nata nell'ambito del progetto Più Segni Positivi, giunta quest'anno alla sua quinta edizione, che ha permesso di aiutare 180 famiglie dei mandamenti di Sondrio e Tirano a sostenere i costi per l'anno scolastico dei loro figli.

La formula

Sono state ammesse all'iniziativa le famiglie il cui Isee rientra in tre fasce (0-6000 euro; 6000-12000 euro; e 12000-18000 euro), con l’esclusione solo di quelle già clienti di Emporion, il supermercato solidale di Più segni positivi. Su un totale di 233 richieste presentate (185 nel sondriese e 48 nel tiranese), hanno ottenuto il voucher del valore di 100 euro 180 famiglie (tutte le "candidate" del mandamento di Tirano e 132 nel mandamento di Sondrio).

Proprio il voucher potrà essere speso in una delle 10 cartolerie convenzionate (sei nel sondriese e quattro nel territorio del tiranese): tra l'altro proprio le cartolerie hanno contribuito alla dotazione complessiva dell'iniziativa di 18 mila euro, mettendo a disposizione 3 mila euro a cui si aggiungono anche i 4 mila di Sbrighes! e gli 11 mila di Più Segni Positivi: "Anche i soggetti privati fanno la loro parte - ha sottolineato Massimo Bevilacqua, direttore del consorzio Sol.co - quindi ci troviamo di fronte a un esempio di welfare della comunità. Noi tendiamo a valorizzare la positività del gesto e a normalizzare le richieste d’aiuto che ci giungono dalle famiglie anche garantendo loro la privacy grazie ai canali digitali, ma non dimenticando, d’altro canto, nemmeno il fondamentale aspetto legato alle relazioni".

Anche per questo, l'iniziativa che si fonda sulla sinergia di Più segni positivi con il Progetto Sbrighes!, Fondazione Pro Valtellina, Centro Servizi Volontariato Sondrio, cooperativa Forme e vari enti dei territori di Sondrio e Tirano (e che quest'anno ha ricevuto una donazione anche dell'Associazione italiana sommellier) vede numeri in crescita rispetto al 2021 con 20 voucher in più erogati (12 su Sondrio e 8 su Tirano).

Puntiamo sulla cultura

"La fondazione Pro Valtellina - ha spiegato Anna Pola, vicepresidente della fondazione Pro Valtellina - presta molta attenzione ai giovani: se i ragazzi riescono ad avere la dote scolastica, allora si dà valore all’istruzione e alla cultura, propulsore della qualità della vita della comunità. Quest’ultimo è peraltro un obiettivo primario della nostra fondazione". "Non bisogna mai dare per scontati questi piccoli-grandi gesti - ha fatto eco Monica Taschetti, sindaco di Fusine e vice presidente dell’assemblea dei sindaci - anzi è importante utilizzarli per dimostrare la volontà di dare qualità alla vita dei nostri giovani nel loro quotidiano".

"Abbiamo incontrato le famiglie anche attraverso il servizio sociale di Tirano e il progetto Sbrighes! - ha concluso Martina Contrio, della cooperativa Forme - e lavoreremo anche ad altri progetti per contrastare la povertà educativa".

  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grazie a "Più Gesti Positivi" scorte scolastiche per 180 famiglie

SondrioToday è in caricamento