rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Riqualificazione del quartiere

Piante al posto del cemento: alla Piastra una maxi opera di street art

Con "Pilartist" l'artista Gola Hundun abbellirà i 28 pilastri del centro servizi prendendo spunto dal percorso botanico pensato da Sol.Co ed Ersaf. L'assessore Grillo Della Berta: "Bellezza richiama bellezza, cura ed attenzione"

È con delle larghe pennellate di verde e di "vita" che il quartiere sondriese della Piastra si scrolla di dosso il grigiore che da sempre contraddistingue il sottopasso del centro servizi. È con questo scopo che, nella coprogettazione "La piastra qualità della vita nel verde" tra Sol.Co. Sondrio e Comune di Sondrio, l'artista romagnolo Gola Hundun sarà a Sondrio, dal 3 all'11 giugno prossimi, per abbellire con le sue opere di "street art" i 28 pilastri che sostengono l'ingombrante struttura.

"Con il progetto 'Pilartist' vogliamo riunire la rigenerazione urbana con la comunicazione, la cultura ed il sociale, partendo proprio da quello che sono i pilastri. La riqualificazione è estetica ma anche concettuale: questi pilastri sostengono fisicamente le attività che sono presenti sulla passerella pedonale" ha illustrato Fabio Grazioli coordinatore Sol.Co per la comunicazione e la rigenerazione degli spazi.

Le opere di Gola Hundun si ispireranno al censimento degli alberi presenti nel quartiere sud-ovest di Sondrio condotto Sol.Co ed Ersaf. Nei mesi scorsi, prendendo spunto dalla mappatura realizzata da una signora residente in zona, gli esperti hanno catalogato 300 alberi diversi nei giardini della Piastra, suddivisi in 60 specie. Un lavoro importante che porterà presto alla creazione di un percorso botanico nel quartiere sud-ovest di Sondrio.

"I due progetti, quello di riqualificare i pilastri e quello di creare un percorso botanico, sono andati di pari passo. Abbiamo pensato che la street art si legasse bene anche a quanto già fatto nel quartiere, ai laboratori di rap e di scrittura creativa. Tra le specie botaniche mappate Gola Hundun ne ha selezionate 28 per riprodurle su altrettanti pilastri. Ogni pilastro, come anche gli alberi del percorso, sarà identificato con un qr code per permettere di ritrovare la specificità dell'albero. Avremo così un'informazione incrociata che dal sottopasso rimanderà al percorso botanico e viceversa: una rappresentazione pittorica del verde reale circostante. L'opera avrà una soluzione di continuità verticale fino al frontone della Piastra: verrà cosi notata anche dall'automobilista di passaggio, che sarà certamente incuriosito da questa prima opera di street art a Sondrio" ha aggiunto Grazioli.

Durante le lavorazioni l'artista, coadiuvato da un assistente, utilizzerà un pantografo ed un trabattello per alzarsi ed avere una soluzione di continuità nell'operare. Contestualmente all'installazione artistica saranno posizionate alcune reti con l'obiettivo di vietare ai numerosi piccioni della zona di sostare, come da sempre accade, alla sommità dei pilastri, provocando sporco e disagio a terra.

piastra grazioli grillo massera coradi-2

La soddisfazione dell'Amministrazione

“Bellezza richiama bellezza, cura ed attenzione. Importante riportare la piattaforma su cui si innestano tutte le attività ad una dimensione di bellezza, per ristabilire quel contatto con il verde urbano. Il grigiore che c’è oggi stride con la nuova visione che si sta cercando di dare al quartiere. Importante per questo la scelta di invitare un artista molto conosciuto, da sempre attento a tematiche ambientaliste come il ricostruire il rapporto tra uomo, paesaggio e natura. Sono certo che questa iniziativa attiverà dei percorsi di miglioramento della reputazione e della cura generale de quartiere” ha dichiarato Lorenzo Grillo Della Berta, assessore ai Servizi Sociali.

“Non dobbiamo rinunciare a tendere al bello anche e soprattutto in questo quartiere, dove giustamente si stanno investendo risorse importanti. Nel percorso di rigenerazione, risocializzazione e di ritorno ad una vita economica, commerciale e sociale più attiva il bello ha un ruolo rilevante. Dare un aspetto più gradevole e più vitale al sottopasso è quindi importante” ha aggiunto il collega ai Lavori Pubblici, Andrea Massera.

Pilartist Festival

Sabato 11 giugno, in conclusione dello sforzo artistico di Gola Hundun ( che sarà inaugurato alle ore 18) andrà in scena "Pilartist Festival", un pomeriggio all'insegna dell'Arte e della partecipazione con attività laboratoriali ed artistiche, a partire dalle ore 14,30.

“Con questo evento vogliamo lavorare sull’immaginario del quartiere. Nell’ultimo periodo ci sono stati degli episodi di vandalismo che ci hanno fatto ricomprendere l’importanza di avere un quartiere bello da vivere. Quando un quartiere o una casa sono belli e vivibili si allontana il pericolo di vandalismi. Vogliamo riqualificare il sottopasso, buio e marginale, che è il primo biglietto da visita del quartiere per portare bellezza. Vogliamo offrire una visione futura attraverso le arti urbane, facendo vedere alla città che qui si possono fare cose davvero interessanti” ha spiegato Lucia Coradi di Sol.Co.

Il programma sarà il seguente:

  • Laboratorio Street Art Junior con Giada Wood / 3-8 anni
  • Laboratorio Fumetto con Emma Cerri / 8-12 anni
  • Laboratorio Rap, Freestyle e Scrittura Creativa con Tusco / 12-18 anni
  • Laboratorio Street Dance con Siscofly / Aperto a tutte le fasce di età

pilartist-2

Chi è Gola Hundun

Gola Hundun (Cesena, 1982) romagnolo, diplomato al liceo artistico di Ravenna, laureato all'Accademia delle Belle Arti di Bologna e vanta un percorso artistico internazionale maturato negli anni tra Spagna, Canada, Germania, Danimarca, Lussemburgo, Brasile, Uruguay, Russia, Giappone, Kazakhstan, Australia e Francia. La sua opera è centrata sulla natura e la relazione tra uomo e natura e la biosfera.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piante al posto del cemento: alla Piastra una maxi opera di street art

SondrioToday è in caricamento