rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Attualità

Colico, gli ambientalisti: "No al nuovo ponte ciclopedonale sull'Adda"

Flashmob contro la nuova opera: "Difendiamo la Riserva Naturale del Pian di Spagna"

"Vogliamo vedere l’acqua nel fiume, non un nuovo costoso ponte verso la Riserva Naturale del Pian di Spagna". Questo il messaggio lanciato dalle associazioni ambientaliste locali che si riunite sabato 2 luglio a Colico per un'azione dimostrativa, un flashmob per far sentire la propria voce "a difesa della Riserva Naturale del Pian Di spagna".

I promotori dell'iniziativa hanno ricordato: "Nella conferenza di servizi convocata il 26 aprile dal Comune di Colico era stata avanzata la richiesta che il procedimento di approvazione del progetto di nuovo ponte ciclopedonale sul fiume Adda fosse archiviato in favore di un'altra soluzione. Legambiente e WWF hanno diffidato il Comune a procedere con l’iter autorizzativo e dal realizzare l’opera, finanziata con circa 2 milioni e mezzo di denaro pubblico e il cui costo è destinato ad aumentare per l’impennata dei prezzi dei materiali. Il ponte non è previsto nel Piano della Riserva. La deliberazione del Consiglio regionale della Lombardia n. 1913 del 1985 vieta di costruire manufatti, nuove strade e di trasformare quelle esistenti salvo che non siano previsti dal Piano della Riserva".

"È mancato il necessario confronto con l’Ente gestore della Riserva durante le fasi di approfondimento e definizione progettuale con particolare riguardo alle scelte localizzative e tipologiche - aggiungono le associazioni ambientaliste del territorio - Non è inserito nei Pgt di Colico e di Gera Lario. La connessione tra i percorsi ciclopedonali (Valtellina, Val Chiavenna, Lario occidentale) non deve essere confusa con la mobilità nel territorio della Riserva che necessita di un Piano oggi inesistente".

passerella ponte ciclopedonale colico adda1-2-2
Il rendering del ponte sull'Adda

Sempre a detta dei promotori del flash mob: "Il nome del progetto 'Passerella ciclopedonale per il collegamento del Sentiero Valtellina alla Riserva naturale del Pian di Spagna' non è corretto: l’esigenza principale è assicurare a pedoni e ciclisti l’attraversamento sicuro del fiume, non l’ingresso nella Riserva. È in relazione al ponte stradale ferroviario esistente che bisogna cercare la connessione tra i percorsi laddove interferiscono con il territorio della Riserva. Deve prevalere la necessità di salvaguardare il territorio da ogni fonte di disturbo che può derivare dall’apertura di canali di ingresso all’area protetta. L’opera progettata non ha rapporto con il paesaggio naturale e storico del Pian di Spagna, è una struttura 'eccessiva' che si dovrebbe ergere per ben 28,5 metri sopra il piano di campagna, con un grave impatto dei terrapieni e delle rampe sugli argini, interrompendo la linea dell’orizzonte".

Intanto mercoledì prossimo 6 luglio i portavoce di Legambiente presenteranno in una conferenza stampa organizzata in municipio a Lecco i risultati dei campionamenti condotti dai tecnici di Goletta dei Laghi sul Lago di Como per il monitoraggio microbiologico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colico, gli ambientalisti: "No al nuovo ponte ciclopedonale sull'Adda"

SondrioToday è in caricamento