Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'orso banchetta nei monti sopra Grosio e Grosotto, ecco cosa resta dopo il suo "passaggio"

Le immagini delle pecore sbranate dall'orso nei giorni scorsi

 

Da qualche giorno un esemplare di orso sta facendo razzie nei monti sopra Grosio e Grosotto, in Alta Valtellina. Da quando è comparso il plantigrado ha causato la morte di una quindicina di pecore tra quelle sbranate, quelle sparite e quelle che i pastori sono stati obbligati a sopprimere a causa delle gravi lesioni riportate durante i “banchetti”.

Un bilancio non certo esiguo che tiene in apprensione gli abitanti della zona se si considera che l’orso, lungo le sue scorribande notturne, si è spinto anche a quota 1200 metri, nelle vicinanze di abitazioni e insediamenti umani. Una preoccupazione reale tanto che lungo le scorse ore il comune di Grosotto ha organizzato un perlustramento dall’alto del bosco con l’utilizzo di un drone.

Nel video la prima razzia dell'orso, in località Alp, nel territorio comunale di Grosio. Nei prossimi giorni, dopo gli esami sulle ciocche di pelo d'orso rinvenute nella zona delle razzie, si conoscerà l'identità del plantigrado affamato.

Potrebbe Interessarti

Torna su
SondrioToday è in caricamento