Passi puliti sui tornanti di Cancano: in 3 ore raccolti 16 sacchi di sporcizia oltre a marmitte, ruote e molto altro

Seppur con pochi volontari la raccolta rifiuti organizzata dalla Unione Sportiva Bormiese ha fatto centro

Pochi ma buoni. L’iniziativa “Passi Puliti” messa in campo 5 anni fa da Cristian Pozzi, vicepresidente del settore Ciclismo US Bormiese, è sempre stata una “cenerentola” fra le tante proposte dell’associazione sportiva; il che è sicuramente deplorevole, se pensiamo allo scopo che sta all’origine di tutto: ripulire le strade di maggior attrazione turistica dalla spazzatura che i frequentatori ci lasciano ogni anno come souvenir della loro presenza.

L’intento di Cristian, quando ha tenuto a battesimo “Passi Puliti”, era di dare un esempio di buona volontà e di responsabilità anzitutto come ciclista, che su quei passi ha sudato e faticato, in secondo luogo come persona, dotata di senso civico e rispettosa dell’ambiente circostante, ed infine come operatore locale, perché è grazie a quelle strade che il Bormiese sta cavalcando un’ondata turistica sempre più crescente legata alle due ruote.

Nonostante la risposta sia sempre esigua (quest’anno si sono raggiunti i 16 volontari) Cristian tiene duro e persegue il suo obiettivo con determinazione, sperando che negli anni a venire ci sia maggiore collaborazione da parte di tutti. Intanto una buona nuova è giunta da Valdidentro, con il presidente della Pro Loco Thomas Anselmi che si è presentato puntuale all’appuntamento e, indossati i guanti d’ordinanza, si è messo a pulire i tornanti di Cancano, proprio come lo scorso anno aveva fatto il suo omonimo del Parco Nazionale dello Stelvio.

Cancano e Bormio 2000 sono stati gli obiettivi della combriccola di “spazzini” che – divisi in due gruppi – nel giro di circa 3 ore hanno riportato a valle 16 sacchi di spazzatura e anche qualcosa di più.

«Come al solito, dobbiamo constatare che la maggior parte della sporcizia che invade il bordo strada non è quella lasciata dai ciclisti bensì da altri “sozzoni”. Quest’anno il “bottino” ci ha portato due pneumatici completi di gomme e cerchioni, ferri residui di strutture stradali in disuso (guardrail e altro), vaschette di cibo, bottiglie di birra, cartoni di vino, una marmitta, giornaletti pornografici (ma esistono ancora?!?) e la solita sterminata distesa di mozziconi e di fazzoletti di carta… ci scandalizziamo tanto delle deiezioni dei cani che non vengono raccolte, ma fingiamo di non vedere i resti dei “bisogni” umani che lordano tutto l’ambiente» hanno commentato quelli dell'US Bormiese.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento