menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco vietato agli skateboard a Morbegno, Baraglia: «Dispiaciuto che prima dell’ordinanza non si sia parlato con i ragazzi»

Il consigliere di maggioranza Alessandro Baraglia ha incontrato i giovani che frequentano il parco di via Cortivacci

A Morbegno non si placano le polemiche  intorno al divieto per gli skaters di praticare sport nei pressi dei giardini di via Cortivacci. Se da un lato il consigliere di minoranza Andrea Ruggeri ha dichiarato che manca una visione d'insieme sul tema della tutela della quiete pubblica e che, sentendosi sempre più imbarazzato di essere un Consigliere di questa “Amministrazione”, tra qualche giorno, l’ordinanza verrà revocata, dal fronte della maggioranza è Alessandro Baraglia, incalzato dallo stesso Ruggeri, ad intervenire sulla questione. 

«Intervengo sulla questione alla fine di queste lunghe giornate. Ho parlato coi ragazzi dello skate. Ho spiegato loro come sono andate le cose che hanno portato al divieto. L’amministrazione, davanti all’esposto di un privato e all’istruttoria degli uffici che ne è seguita certificando la non regolarità delle strutture, ha dovuto, per il momento, provvedere all’interdizione. Ciò non significa che siamo noi contro di loro: io, il Sindaco e tutta l’amministrazione vogliamo garantire spazi dedicati ai ragazzi e alle loro attività. Per questo ci siamo detti totalmente disponibili ad aprire un confronto con loro per valutare soluzioni temporanee e/o definitive per la pratica dello skateboard: li incontreremo nei prossimi giorni».

«Sono personalmente dispiaciuto che il doveroso passaggio con i ragazzi non sia stato fatto prima dell’ordinanza dovuta. Ho avuto modo di parlare anche coi ragazzi del basket per prolungare oltre le 22 la possibilità di utilizzo dell’area. L’anno scorso ho promesso che la voce dei giovani sarebbe stata ascoltata. Non intendo venire meno a questo impegno».

«Al collega di minoranza Ruggeri - conclude - che mi ha citato: il consigliere Baraglia lavora per Morbegno e per i suoi giovani perché, a Morbegno e ai suoi giovani, ci tiene».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento