menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale Morelli di Sondalo, anche una sbarra fa discutere

La sbarra posta all'ingresso del Pronto Soccorso dell'Ospedale Morelli di Sondalo viene chiusa nelle ore notturne

Che il clima creatosi intorno al futuro dell'ospedale Morelli di Sondalo non sia dei più distesi è sotto gli occhi di tutti e, in attesa della mobilitazione dei cittadini prevista per la giornate di domenica 9 agosto, a far discutere è la sbarra d'accesso che porta al Pronto Soccorso.

«Con molta tristezza pubblichiamo questa foto del Morelli a sbarre abbassate. Se uno deve andare al pronto soccorso, suoni il citofono dei politici che stanno compiendo questo disastro». È questo il messaggio postato in queste ore sulla pagina Facebook del comitato 'Io sto con il Morelli',  che ha portato molti cittadini a pensare erroneamente alla chiusura vera e propria del Pronto Soccorso. 

L'Asst: «Illazioni»

Non è tardata la risposta della direzione sanitari che, in una nota stampa, ha voluto precisare il motivo per cui la sbarra è, durante le ore notturne, chiusa.

«La sbarra posta all'ingresso del Pronto Soccorso dell'Ospedale Morelli di Sondalo - spiegano dall'Asst Valtellina e Alto Lario - viene chiusa nelle ore notturne, dalle 22 alle 6, come di norma in tutti i nosocomi, a tutela degli operatori e degli utenti. La sbarra abbassata significa dunque controllo, poiché tutte le persone che accedono al Pronto Soccorso durante la notte devono presentarsi agli addetti alla sicurezza. La regola, da sempre in vigore, era in precedenza disattesa mentre ora viene correttamente applicata».

«Non vi è stato nelle ultime settimane - proseguono - nessun ordine di servizio, se non, forse, l'attuazione di quanto previsto nei regolamenti ospedalieri di controllare tutti gli accessi da parte del personale in servizio. Chiunque poi associ alla sbarra abbassata la chiusura del Pronto Soccorso divulga con dolo un'informazione errata causando un grave danno ai cittadini che, in caso di necessità, possono autopresentarsi oppure essere trasportati dai mezzi di soccorso in qualsiasi ora del giorno e della notte per ricevere le cure più adeguate ».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento