rotate-mobile
Lunedì, 6 Febbraio 2023
Il ringraziamento / Sondalo

Ospedale Morelli: "Mai vista tanta organizzazione, cura e rispetto del paziente disabile"

Il racconto della dottoressa Santa Magni che ha davvero apprezzato molto l'assistenza riservata al fratello

Spesso l'ospedale Morelli è al centro dell'attenzione per i problemi e le polemiche che lo riguardano: problemi con cui devono fare i conti anche i medici e tutti gli operatori che vi lavorano, ma che con i loro grandi impegno e dedizione riescono a ovviare a queste difficoltà e a garantire comunque un servizio d'eccellenza.

E' quanto successo, ad esempio, lo scorso 9 dicembre quando l'ospedale Morelli di Sondalo ha accolto un paziente disabile che doveva sottoporsi a una risonanza magnetica. A raccontarlo, la dottoressa Santa Magni, sorella del paziente stesso: "Voglio ringraziare l'ospedale di Sondalo, in particolare il reparto di risonanza magnetica. Mio fratello disabile doveva avere una risonanza magnetica il 9 dicembre, giorno di grande nevicata. Siamo arrivati con un'ora di ritardo. L'auto carica della carrozzina elettrica era instabile su strada anche con le catene".

"Non ho mai visto negli altri ospedali tanta organizzazione, cura e rispetto del paziente disabile - ha proseguito Santa Magni -, a cui tocca di percepire, nelle strutture ospedaliere e nella vita di tutti i giorni, la propria infermità come una colpa. Ringraziamo l'operatore, il personale medico e infermieristico, tutti gli intervenuti anche da altri reparti, che hanno reso possibile l'esame a mio fratello. Fortunatamente abbiamo a Sondalo una struttura che, pur nella carenza di personale, si adopera in mille modi al servizio dei pazienti anche i più problematici da gestire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale Morelli: "Mai vista tanta organizzazione, cura e rispetto del paziente disabile"

SondrioToday è in caricamento