menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale Chiavenna, la CISL: "Ognuno faccia la propria parte"

Le parole di Fumagalli, Segretario generale della Cisl, in risposta a Pilatti

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa a firma del Segretario Generale della CISL Sondrio Davide Fumagalli in risposta alle dichiarazioni di Patrizia Pilatti.

"Il comunicato a firma di Patrizia Pilatti, Presidente dell’Assemblea dei Sindaci della Valchiavenna è un comprensibile grido d’aiuto su un tema fondamentale e
controverso come quello socio-sanitario su cui, come sempre, la Cisl è disposta a fare la propria parte.
Che ognuno faccia la sua parte!

La nostra è quella di un Sindacato di Montagna, che non fa annunci, ma propone
soluzioni realizzabili che tengano conto di tutti i fattori, non solo quelli passeggeri.
Le proposte da noi avanzate si basano su valutazioni oggettive, partendo da riconosciute competenze, volte ad una visione d’insieme a lungo termine, scevra
da un approccio difensivo e campanilista, che si è già rivelato fallimentare in passato, come nel presente.


Il mantenimento ed il potenziamento dei presidi passa però, inevitabilmente, dall’essere consapevoli del contesto attuale, dal prendere atto dei cambiamenti
avvenuti nel comparto, avendo la lungimiranza di costruire risposte adeguate a vecchi e nuovi bisogni sia sociali che sanitari, adeguando di conseguenza spazi e
professionalità in un ottica sinergica di rete territoriale che guardi al futuro, senza fare promesse irrealizzabili.


Solo la condivisione di un progetto reale e sostenibile potrà garantire a cittadini e lavoratori soluzioni all’altezza delle aspettative interrompendo finalmente il lento
declino subito, nei fatti e negli anni dal nostro territorio.
La Cisl è naturalmente disponibile ad ogni utile confronto sul merito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lupi in Valtellina e Valchiavenna, è polemica

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento