Venerdì, 19 Luglio 2024
Aggiunta importante / Verceia

In Valchiavenna in arrivo un nuovo medico di base

Entrerà in servizio nei prossimi giorni e farà parte del gruppo che ha sede a Chiavenna, ma opererà anche nell'ambulatorio di Verceia

Se, alcune settimane fa, un medico di base aveva lasciato la Valchiavenna lamentando le condizioni in cui era costretto a operare e la mancanza di prospettive ecco che ora, invece, una dottoressa ha scelto proprio la Valle del Mera per proseguire nel suo percorso professionale.

Il modello "Chiavenna" dei medici di medicina generale porta, infatti, un nuovo risultato e nei prossimi giorni entrerà in servizio la dottoressa Nury Pelaez Perez. "Entra a far parte del gruppo di medici con sede a Chiavenna ma a servizio di tutti i cittadini della Valchiavenna questa nuova collega - ha spiegato Roberto Scaramellini, presidente dell'assemblea dei sindaci della Valchiavenna -. Sarà operativa, come sede principale, presso l'ambulatorio comunale di Verceia per tre giorni alla settimana mentre per i restanti due presso la sede dentro l'ospedale di Chiavenna. Siamo contenti di questo risultato che premia il progetto ed il lavoro che stiamo portando avanti. In tutta Italia la carenza di medici rappresenta un'emergenza ed anche il nostro territorio non è esente da queste dinamiche. Qui però abbiamo scelto di sperimentare un modello diverso che raccoglie l'attenzione di progetto pilota a livello nazionale. In questo modo non lasciamo solo nessun cittadino che può sempre trovare un riferimento ed una risposta alle sue esigenze sanitarie, anche in assenza di un medico di base ufficialmente assegnato. E' l'obiettivo che ci eravamo dati e questo nuovo ingresso ci aiuta a coprire le diverse aree della valle".

"Siamo molto soddisfatti di questo importante risultato. In un paese il medico di base è un servizio essenziale. Ringrazio la dottoressa che ha accettato di mettersi a servizio della nostra gente - ha fatto eco il sindaco di Verceia Flavio Oregioni -. Abbiamo raccolto con entusiasmo la proposta mettendo immediatamente a disposizione in forma gratuita l'ambulatorio comunale che è funzionale e dedicato. Una notizia molto positiva".

"I servizi sanitari sono al centro dell'impegno di tutti i sindaci della valle. Il più importante senza dubbio. A confermarlo sono questi fatti, concreti e reali. Il modello "Chiavenna" dei medici di medicina generale rappresenta una scommessa innovativa e coraggiosa che sta portando i suoi risultati. Sul territorio e con la presenza in ospedale - questo, invece, il commento del primo cittadino di Chiavenna Luca Della Bitta -. Per questo ringrazio il gruppo di medici e la cooperativa Valcura che hanno costruito e realizzato questo progetto. Un ringraziamento particolare a Roberto Scaramellini che ne ha curato l'ideazione e continua nel ruolo di regista, per i medici e per il territorio intero. Nessun nostro cittadino deve rimanere solo e senza medico di riferimento. Ci stiamo riuscendo".

"In questi anni la madre di tutte le battaglie, insieme ai sindaci, è sempre stata quella dei servizi sanitari - ha concluso Davide Trussoni, presidente della Comunità montana della Valchiavenna -. Abbiamo superato la logica del singolo comune ragionando insieme come Valchiavenna. E questo passaggio ci sta premiando pur in una situazione nazionale dove la carenza di medici è una piaga fortissima. Insieme stiamo raccogliendo risultati importanti per dare servizi e garanzie alla nostra gente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Valchiavenna in arrivo un nuovo medico di base
SondrioToday è in caricamento