Morbegno, promossa l'edizione limitata della Mostra del Bitto

Il presidente della Comunità Montana di Morbegno Emanuele Nonini: «Tutto si è svolto in maniera regolare, nel rispetto del protocollo di sicurezza che avevamo adottato»

Seppure in edizione limitata, nel rispetto delle misure di sicurezza, la 113esima Mostra del Bitto ha soddisfatto i partecipanti, molti dei quali provenienti da fuori provincia. Rispetto alle due ultime edizioni, il Comitato organizzatore ha scelto la qualità e il far cultura del prodotto e del territorio, curando in modo particolare gli allestimenti e le degustazioni e selezionando gli espositori, tutti locali, per il "Piccolo mercato dei produttori di formaggio".

Il risultato è rappresentato dal gradimento dei visitatori che hanno apprezzato la nuova formula, occupando tutti i posti disponibili nei 70 appuntamenti con le degustazioni, circa 1300 persone in salette da venti posti. L'abbinamento tra il Bitto e le altre eccellenze agroalimentari di Valtellina e Valchiavenna e le bellezze artistiche della città, tra S. Antonio e Palazzo Malacrida, ha rappresentato la grande attrazione dell'edizione 2020.

Seguendo le presentazioni degli esperti assaggiatori i partecipanti hanno appreso nuovi modi di gustare i formaggi locali, scoprendo profumi e aromi, vivendo nuove esperienze in luoghi ricchi di storia. L'antico chiostro, nelle sale interne e all'esterno, il convento riaperto per l'occasione, in terrazza e sul soppalco, il cortile dell'Auditorium, l'ingresso di Palazzo Malacrida con le ampie volte hanno ospitato sale di degustazione allestite nel rispetto del distanziamento sociale, arredate con gusto, a garanzia della sicurezza e del comfort dei partecipanti.

Tra le due giornate, nella serata di ieri, è stata la cerimonia di premiazione del concorso dei formaggi a catturare l'attenzione: il momento celebrativo ha visto la partecipazione dei casari, dei produttori e dei loro sostenitori che hanno applaudito i vincitori (scopri qui i premiati).

Soddisfazione 

≪Siamo molto soddisfatti di questa Mostra del Bitto in edizione limitata - sottolinea il presidente della Comunità Montana di Morbegno Emanuele Nonini a nome del Comitato organizzatore -: tutto si è svolto in maniera regolare, nel rispetto del protocollo di sicurezza che avevamo adottato. In questa situazione, il nostro obiettivo era quello di mantenere l'appuntamento con questo evento ma senza rischi per chi ha partecipato e per chi ha lavorato. Ringrazio lo staff, gli enti e le associazioni che ci hanno sostenuto. Alla premiazione del concorso dei formaggi è stato bello vedere tanti giovani premiati: il settore lattiero-caseario ha un grande futuro davanti e la Mostra del Bitto continuerà a raccontarlo anno dopo anno≫.

Come raccontato dagli organizzatori, afflusso e deflusso alla piazza si sono svolti nella più assoluta tranquillità, senza che si formassero code né assembramenti: la misurazione della temperatura e l'igienizzazione delle mani prima di entrare, il controllo delle mascherine all'interno e il costante monitoraggio delle presenze per non superare il numero consentito.

A caratterizzare la Mostra del Bitto 2020 un tema e un filo conduttore per ciascuno dei nove percorsi di degustazione: verticali di formaggio, bollicine locali, birre di produzione artigianale e formaggi, piatti d'autore e pic-nic. Nuove modalità di avvicinarsi ai prodotti tipici che hanno stupito e conquistato i partecipanti. ≪Abbiamo ideato delle proposte nuove in grado di esaltare il formaggio e gli altri prodotti tipici attraverso l'arte - spiega Simona Nava, curatrice di questa edizione -: l'obiettivo era quello di creare esperienze uniche emozionanti perché il prodotto rimanesse impresso nella mente del visitatore. Il ricordo positivo, infatti, favorisce le scelte di acquisto, per questo l'evento ha un risvolto economico importante in uno dei settori strategici per l'economia della provincia di Sondrio≫.

Obiettivo centrato e ottimismo per il futuro: da oggi inizia un percorso, una nuova sfida per una manifestazione che porta benissimo i suoi anni e che ha dimostrato di sapersi adattare alle circostanze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna altri 11 decessi nelle ultime 24 ore

  • Nonna Maria, la valtellinese di ferro: a 101 anni ha sconfitto due volte il covid (e la Spagnola)

Torna su
SondrioToday è in caricamento