menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coldiretti lancia l'allarme: «Proteggiamo il miele made in Sondrio»

La produzione 2020 in kg/alveare in Valtellina e Valchiavenna: 16/18 per acacia, 10/14 per millefiori e rododendro

«Notizia buona: aumenta il consumo di miele da parte dei consumatori. Notizia cattiva: occorre stare all’erta, perché il prodotto straniero sta invadendo il mercato, soprattutto nella grande distribuzione». A fare il punto della situazione è Coldiretti Sondrio, che rileva come «sugli scaffali dei supermercati più di 1 vasetto di miele su 2 viene dall’estero ed è quindi importante verificare con attenzione l’etichetta per non cadere nell’inganno dei prodotti stranieri spacciati per italiani». Un’analisi confermata dai dati diffusi da Ismea che stima una produzione nazionale di 17 milioni di chili nel 2020. L’aumento del consumo di miele è merito della cosiddetta “svolta salutista” che negli ultimi tempi ha coinvolto un numero sempre crescente cittadini: prova ne è l’aumento del 13% degli acquisti familiari di miele nei primi nove mesi dell’anno.

«Per evitare di portare in tavola prodotti provenienti dall’estero, spesso di bassa qualità - consiglia il presidente di Coldiretti Sondrio Silvia Marchesini - occorre verificare con attenzione l’origine in etichetta oppure di rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di Campagna Amica».

«Il miele prodotto sul territorio nazionale è riconoscibile attraverso l’etichettatura di origine obbligatoria fortemente sostenuta dalla Coldiretti. La parola Italia deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’unione Europea, l’etichetta – aggiunge la Coldiretti provinciale – deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE”. Da sottolneare che il miele italiano giunge da un comprensorio nazionale dove non sono ammesse coltivazioni Ogm, a differenza di quanto avviene ad esempio in Cina».

AgriMercati: quando e dove trovarli in Valtellina e Valchiavenna

In particolare, è possibile trovare il miele in vendita diretta nei cinque AgriMercati che si svolgono periodicamente sul territorio della nostra provincia, tutti in orario mattutino dalle 8 alle 12.30. Nella città capoluogo, Sondrio, l’appuntamento con il Mercato di Campagna Amica è duplice: in Piazza Cavour (Piazza Vecchia), ogni venerdì mattina dalle 8 alle 12.30 e in piazza Bertacchi, di fronte alla stazione, ogni sabato mattina presso la struttura dell’AgriMercato coperto. Nel giorno di giovedì, invece, i produttori raggiungono sia Morbegno (via V Alpini) che Tirano (Viale Cappuccini/Piazza delle Torri). E’ invece quindicinale (alternato ogni due settimane, alla domenica) l’AgriMercato di Bormio in piazza Cavour. Ovviamente qui si possono trovare anche composte, marmellate e confetture già preparate dagli imprenditori agricoli e pronte da portare in tavola.

il miele prodotto sul territorio nazionale è riconoscibile attraverso l’etichettatura di origine obbligatoria fortemente sostenuta dalla Coldiretti. La parola Italia deve essere obbligatoriamente presente sulle confezioni di miele raccolto interamente sul territorio nazionale mentre nel caso in cui il miele provenga da più Paesi dell’unione Europea, l’etichetta – aggiunge la Coldiretti provinciale – deve riportare l’indicazione “miscela di mieli originari della CE”; se invece proviene da Paesi extracomunitari deve esserci la scritta “miscela di mieli non originari della CE”, mentre se si tratta di un mix va scritto “miscela di mieli originari e non originari della CE”. Nota importante: il miele italiano giunge da un comprensorio nazionale dove non sono ammesse coltivazioni Ogm, a differenza di quanto avviene ad esempio in Cina. E si tratta di un ulteriore valore aggiunto molto importante.

La produzione 2020 in kg/alveare in Valtellina e Valchiavenna: 16/18 per acacia, 10/14 per millefiori e rododendro

Intanto è possibile tracciare un bilancio per l’annata 2020 in provincia di Sondrio: per quanto riguarda il miele di acacia, si stimano rese di 16-18 kg/alveare in Valchiavenna e nella bassa Valtellina, 9-12 kg/alveare nelle altre postazioni; per quanto riguarda il millefiori d’alta montagna, in alcune zone vocate si registrano raccolti di 10-14 kg/alveare (a forte connotazione di tiglio e castagno), con punte massime di 19-20 kg/alveare. Altra particolarità montana della nostra provincia è il miele di rododendro: in media 10-14 kg/alveare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento