rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022
Test precauzionali

Marco Confortola rientra in Italia prima di scalare il suo tredicesimo "ottomila"

Dopo la conquista del Kangchenjunga sono infatti necessari, per l'alpinista valtellinese, alcuni accertamenti medici

Marco Confortola sta rientrando in Italia: ad annunciarlo il suo staff, tramite un post sulla pagina Facebook ufficiale dell'alpinista valtellinese che nei giorni scorsi ha compiuto l'ennesima impresa della sua carriera conquistando il Kangchenjunga, il suo dodicesimo "ottomila".

Il ritorno in Italia è reso necessario da alcuni accertamenti medici a cui proprio Confortola deve sottoporsi: "Nei giorni scorsi Marco ha avuto qualche problema di oftalmia ma nulla di preoccupante.Abbiamo deciso per un suo rientro in Italia per controllare che sia tutto perfettamente ok prima di affrontare una montagna impegnativa come il Nanga Parbat. - era stato annunciato già ieri proprio su Facebook - Ha nel cuore l’immagine dell’alpinista Indiano deceduto per problemi di quota. Immagini indelebili che hanno reso molto triste questa salita".

Un annuncio confermato da un altro post, ancor più detttagliato, pubblicato nel primo pomeriggio di oggi: "Marco rientrerà in Italia a breve per accertamenti e per lui stati predisposti *RMN encefalo* con e senza mezzo di contrasto e “Angiò RMN Encefalo* visita oculista e neurologica. Tutto predisposto tramite la Clinica Columbus di Milano. Abbiamo deciso di dare quest’informazione perché arrivano tante richieste per sapere e conoscere la salute di Marco in questo momento".

Controlli, dunque, assolutamente necessari, anche in via precauzionale, dopo lo sforzo e i problemi dei giorni scorsi, prima di tornare a salire per conquistare l'ennesimo ottomila di una carriera, quella di Marco Confortola, già leggendaria.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marco Confortola rientra in Italia prima di scalare il suo tredicesimo "ottomila"

SondrioToday è in caricamento