rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Polemiche e precisazioni / Ponte in Valtellina

Cagnolino non curato: "Abbiamo sentito tanti specialisti, ora valutiamo una denuncia"

La precisazione dei proprietari dell'animale domestico dopo i vari commenti e critiche ricevute anche sui social

Ha fatto molto discutere la denuncia di una coppia residente a Milano e che, nei giorni scorsi si trovava in vacanza a Ponte in Valtellina: il loro cane ha ingoiato un corpo estraneo e si è sentito male e, non avendo trovato nessun veterinario disposto a intervenire facendolo vomitare (come invece indicato dalla dottoressa che ha normalmente in cura il cucciolo, sentita dalla coppia telefonicamente), in piena notte i due turisti hanno lasciato la provincia di Sondrio per fare ritorno a Milano.

La vicenda, come detto, ha scatenato i commenti di molti utenti social e del nostro sito e non sono mancate pesanti critiche alla coppia per aver dato più peso a un parere "da distanza" rispetto a quello della veterinaria contattata in Valtellina e che, proprio secondo la ricostruzione dei due turisti, non avrebbe voluto far vomitare il cagnolino.

Proprio a questo proposito, però, la coppia residente a Milano tiene a precisare come siano stati molti gli specialisti sentiti e tutti concordavano sulla necessità di far vomitare il cucciolo, tranne, per l'appunto, la dottoressa contattata a Sondrio: "Oltre al nostro veterinario e alla "veterinaria " che si è rifiutata anche solo di visitarlo - spiegano i due turisti - non ci siamo arresi e abbiamo chiamato la clinica di Morbegno con il medico veterinario P. che nonostante non fosse in servizio si è prodigato nel trovare il suo sostituto che però non era raggiungibile. Anche lui concordava nel far vomitare il cane data la stazza piccola dell'animale con il corpo estraneo che si sarebbe potuto incastrare nell'intestino e poi il cucciolo avrebbe dovuto essere operato. Ci consiglia di chiamare una clinica di Lecco e anche loro concordano di doverlo far vomitare, ma vista la posizione più verso la bergamasca ci dicono di recarci a Desio che era dopo di loro quella aperta H24. Il cagnolino ha vomitato e sta bene per coloro che hanno chiesto".

Possibile denuncia

Altre critiche pesanti alla coppia sono giunte per la loro esternazione, dopo quanto accaduto, di non voler più ritornare in Valtellina e di aver rinunciato all'idea, che invece, stavano coltivando, di prendere una casa proprio in provincia di Sondrio. I due turisti, però, sembrano non aver intenzione di fermarsi qui: "La veterinaria ha risposto ad un numero che dava la segreteria di una clinica a Sondrio. Ci stiamo informando sul nome proprio per decidere un eventuale denuncia per mancato soccorso medico - hanno concluso i due turisti -.Grazie a chi ci ha insultato senza sapere. Un vero peccato. E comunque abitiamo a Milano, ma non siamo milanesi...vedi il pregiudizio!!!".  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cagnolino non curato: "Abbiamo sentito tanti specialisti, ora valutiamo una denuncia"

SondrioToday è in caricamento