Negozi, ristoranti, parrucchieri, musei e bar: ecco cosa riapre da lunedì in Lombardia

Resta l'obbligo della mascherina in tutta la Regione. Via libera anche alle messe

Lunedì 18 maggio riaprono in negozi in provincia di Sondrio . Ma non solo: in tutta la Lombardia potranno alzare la serranda anche ristoranti, bar, parrucchieri, estetiste e molte altre attività commerciali. E poi ci sarà il via libera alle celebrazioni religiose. Lo ha messo nero su bianco il presidente della Regione, Attilio Fontana, che nella serata di sabato 16 maggio ha firmato una ordinanza che "verrà emanata dopo l'entrata in vigore del Dpcm", si legge in una nota diramata da Palazzo Lombardia.

"Palestre e piscine - si legge nella nota - saranno riaperte il 25 maggio. Sarà obbligatoria la misurazione della febbre per i clienti dei ristoranti. Per il resto, in linea di massima, si seguiranno le indicazioni previste dalle linee guida delle Regioni e indicate già ieri al Governo". Il documento regionale avrà effetto da lunedì 18 a domenica 31 maggio.

Nessun passo indietro, invece, sulla mascherina: in provincia di Sondrio e in Lombardia permane l'obbligo di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all'aperto. "Così come restano in vigore le disposizioni previste nella precedente ordinanza in tema di organizzazione del lavoro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Da lunedì - spiega il presidente Attilio Fontana - compiremo un altro importante passo avanti verso la nuova normalità. Sono certo che i lombardi sapranno agire responsabilmente e nel rispetto delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento