rotate-mobile
Nei panni delle istituzioni / Livigno

Livigno, il prefetto Pasquariello con i "Ragazzi on the road" per una nottata di controlli

Obiettivo dell'iniziativa, a cui hanno preso parte anche il sindaco Remo Galli e alcuni genitori, accorciare le distanze tra istituzioni e giovani

Entra nel vivo, a Livigno, il progetto "Ragazzi on the road":  nella nottata di ieri, tra 3 e 4 gennaio, la Polizia locale di Livigno ha messo in campo speciali controlli, a cui hanno preso parte 5 giovani livignaschi, tra i 17 e i 19 anni, al fianco proprio degli agenti della Polizia Locale, dell sindaco di Livigno Remo Galli, dell’assessore Cristina Rupani e del Consigliere Marco Zini. Con loro e i ragazzi, in strada, anche alcuni genitori accompagnati dai giovani dello staff dell’associazione socio educativa Ragazzi On The Road di Bergamo presieduta da Egidio Provenzi e rappresentata dall’ideatore del format educativo e vicepresidente dell’associazione Alessandro Invernici. 

Ospite d'eccezione

Soprattutto, però, ha voluto prendere parte all'iniziativa, denominata "Notte on the road" e organizzata con l'obiettivo di accorciare le distanze tra istituzioni e giovani, nel segno dell’educazione stradale e alla legalità, il prefetto di Sondrio Salvatore Pasquariello che è stato impegnato di fianco e nei panni dei ragazzi stessi: “Mi colpisce moltissimo la consapevolezza che hanno questi giovani di vivere un’esperienza unica. Impareggiabile. Ho voluto mettermi nei panni dei Ragazziontheroad e scendere in strada per dimostrare che le istituzioni non sono lontane e camminano insieme a loro - ha spiegato il prefetto di Sondrio - Dobbiamo dare loro un segnale di attenzione e vicinanza, noi che rappresentiamo le istituzioni, in modo che i ragazzi siano sempre più convinti che dall’altra parte non ci sono degli avversari o dei prepotenti, ma ci sono delle persone che svolgono il proprio lavoro soprattutto a tutela dei ragazzi stessi e che crescano sani con il desiderio di vivere una vita bella e piena di significato. Quindi volentieri ho dedicato del tempo a questa iniziativa che devo dire è formativa anche per me stesso, un po’ perché mi sento ragazzo con loro, e quindi mi danno molto”. 

La "notte on the road"

I #ragazziontheroad, insieme all’educatore del CiAGi Michele Ricetti, hanno sfidato le rigide temperature livignasche, guidati dal comandante della Polizia Locale Cristoforo Franzini e il vice Christian Bergamo, per riaccendere i riflettori sulla prevenzione e sicurezza stradale, problematica un po’ “offuscata” dalla pandemia. Un’esperienza sul campo, “senza filtri”, che segue l'attività di consegna gratuita delle mascherine ffp2 sugli impianti sciistici di Livigno sempre al fianco degli agenti della Polizia Locale.

“Penso che sia importantissimo vedere sul campo, in prima persona e dal vivo, l’operato della Polizia Locale. Ti fa rendere conto di come funzionano le cose dall’altra parte” - ha commentato una mamma presente ai controlli su strada, sperando che uno dei quattro figli possa un giorno prendere parte al progetto.

Ragazzi ontheroad 2-2

“Vi ringrazio per avermi invitato ad essere presente a questa esperienza straordinaria. Si lavora insieme perché bisogna coordinarsi per tutelare i cittadini che per salvaguardare l'incolumità delle persone e la sicurezza della circolazione stradale. Sono obiettivi importanti che tutti noi abbiamo - ha invece proseguito il prefetto Pasquariello. Voglio ringraziare il sindaco Galli perchè questo progetto significa veramente fare del bene ai propri cittadini". Rivolgendosi direttamente ai giovani che hanno preso parte all'iniziativa, invece, Pasquariello ha sottolineato come “Voi ragazzi con questa esperienza che state vivendo fate anche un passo avanti nella vita anche lavorativa. Dovete formarvi per essere bravi lavoratori del domani e per formarsi non bisogna solo studiare ma ci vuole anche tanta esperienza che si fa sul campo. Oggi iniziate a capire chi lavora che sacrifici fa e che bagaglio di professionalità ha raggiunto, grazie allo studio che ha fatto alla vostra età e alla passione che messo nel suo lavoro. Sempre al servizio della comunità, del bene comune complessivo e per la sicurezza. L'atteggiamento che state dimostrando questa sera di conoscere i dettagli del lavoro di altri vi farà senz'altro bene perché vi da quell'equilibrio giusto per capire che nella società ognuno ha un ruolo, che svolge con competenza, ma anche passione e umanità. Vi auguro di cogliere da questa esperienza il massimo possibile, portatelo a casa e fatene tesoro, inseritelo nei vostri percorsi formativi e poi cercate di fare sempre più esperienze per conoscere di più quello che vi sta intorno”.

“Quale migliore modo per veicolare un messaggio di consapevolezza e di educazione mediante l’esperienza vissuta in prima persona dei ragazzi coinvolti nel progetto” - ha fatto eco il sindaco di Livigno Remo Galli, mentre l'assessore alle politiche alla persona, istruzione e comunità solidale Cristina Rupani ha ringraziato "i ragazzi che si stanno mettendo in gioco, i loro educatori e la Polizia Locale che li stanno coinvolgendo con grande entusiasmo e impegno”.

L’iniziativa si inserisce nel contesto del progetto "Winter On The Road", promosso dall’associazione socio educativa “Ragazzi On The Road” di Bergamo, voluta e sostenuta con forza anche dalla nuova amministrazione del Comune di Livigno, coordinata dal Comando di Polizia Locale, in collaborazione con il centro di aggregazione sociale CiAGi, che ha lo scopo di accrescere nuova consapevolezza dei rischi della strada, e non solo, infondendo senso civico ai più giovani.  

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livigno, il prefetto Pasquariello con i "Ragazzi on the road" per una nottata di controlli

SondrioToday è in caricamento