Rogolo, troppi guanti monouso dispersi nell'ambiente: l'appello dell'amministrazione comunale

«Se la situazione non migliorerà - fanno sapere dall'amministrazione comunale - già da questo fine settimana il Comune di Rogolo valuterà l’adozione di tutte le possibili misure per evitare questo ingiustificato inquinamento a tutela della salute pubblica e dell’ambiente»

Un 'cimitero' di guanti all'esterno di un supermercato valtellinese

Troppi guanti monouso gettati per terra o non gettati correttamente nei cestini dopo l'utilizzo nel supermercato di Rogolo che si disperdono, complice anche il vento, nell'ambiente. Un problema che, come abbiamo potuto constatare, non è proprio solo nelle vicinanze del supermercato di Rogolo, ma nei pressi della maggior parte dei supermercati della Provincia di Sondrio. L' amministrazione comunale del paese della bassa valle ha deciso così di lanciare un appello sui social  sia ai clienti, chiedendo loro di non gettare i guanti nei cestini esterni sia ai proprietari del supermercato affinchè si crei un presidio alle uscite invitando i clienti a togliersi i guanti allo stesso modo in cui invitano ad indossarli. Un appello che, se non colto, porterà a conseguenze per chi non getterà correttamente i guanti, tra cui multe fino a 3000 euro.

«Tutti sappiamo - si legge in un post Facebook della pagina del Comune di Rogolo - che sul territorio di Rogolo c’è un supermercato e che a causa dell’emergenza COVID-19 è necessario indossare dei guanti monouso per accedere a queste strutture. Purtroppo quando i clienti hanno concluso la spesa escono col carrello, caricano la spesa in macchina e poi ripongono i carrelli nelle loro rastrelliere per recuperare la moneta. A questo punto si tolgono i guanti».

«I maleducati li gettano a terra o all’interno degli stessi carrelli, mentre la maggior parte dei clienti li getta nei cestini dei rifiuti che sono istallati in prossimità delle rastrelliere. Purtroppo questi guanti sono talmente leggeri che non cadono sul fondo del cestino, così un leggero soffio di vento è sufficiente a risucchiarli e trascinarli fuori dal cestino disperdendoli nell’ambiente assieme a quelli già presenti a terra abbandonati dai maleducati».

«Il vento naturalmente poi prosegue la sua opera, disperde i guanti per tutto il parcheggio del supermercato portandoli nei prati e nei fossi dove l’acqua darà loro una spinta fino all’Adda, e così via fino al mare.
Non solo, questi guanti volano anche più lontano arrivando fin dentro le strade del paese di Rogolo e invadendo anche i giardini dei residenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ricordiamoci che - concludono - questi guanti sono rifiuti potenzialmente contaminati dal corona virus. Provate a mettervi nei panni di chi se li ritrova per le strade e nei propri giardini. Non va bene! Chiediamo la collaborazione di tutti i clienti del supermercato affinché si tolgano i guanti gettandoli nei cestini interni in prossimità delle uscite. Chiediamo al supermercato di mettere un presidio alle uscite invitando i clienti a togliersi i guanti allo stesso modo in cui invitano ad indossarli. Se la situazione non migliorerà già da questo fine settimana il Comune di Rogolo valuterà l’adozione di tutte le possibili misure per evitare questo ingiustificato inquinamento a tutela della salute pubblica e dell’ambiente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Coronavirus, in Lombardia in arrivo più restrizioni: stop a sport amatoriali e lezioni a distanza alle superiori

  • Coronavirus, focolaio tra medici ed infermieri del Morelli di Sondalo dopo una festa tra colleghi

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Coronavirus, ecco la nuova ordinanza di Regione Lombardia: più limitazioni per i bar e stop allo sport di contatto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento