rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
La campagna di Protezione civile / Chiavenna

Incendi boschivi in Valchiavenna: ecco come evitare che accadano di nuovo

Anche la locale Comunità Montana ha aderito alla campagna nazionale di Protezione civile "Io non rischio": appuntamento a Chiavenna il 20 maggio

La Comunità Montana della Valchiavenna ha aderito alla campagna 2023 sul tema del rischio incendi boschivi ritenendo particolarmente importante l’attività di sensibilizzazione della popolazione in merito ai pericoli e danni causati dagli incendi boschivi. Dal 2023 infatti il rischio incendi boschivi è entrato a far parte della campagna "Io non rischio - Buone pratiche di protezione civile" con l’obbiettivo di sfruttare queste iniziative per far incontrare i cittadini con i volontari di Protezione civile, adeguatamente formati e preparati, per diffondere le buone pratiche da adottare per ridurre il rischio attraverso scelte improntate al rispetto del territorio e dell’ambiente, ma anche per fronteggiarlo in caso di emergenza.

Pe questo è stata programmata l’organizzazione di 20 piazze a livello nazionale nelle giornate del 20 e 21 maggio 2023 per attuare la campagna di informazione preventiva rivolta alla popolazione in merito ai pericoli di danni causati da incendi boschivi, siano essi di origine naturale o derivanti dall’attività dell'uomo. A Chiavenna, sabato 20 maggio presso piazza G. Bertacchi, è prevista una giornata sperimentale di sensibilizzazione della popolazione sulla tematica degli incendi boschivi. Il programma prevede la presenza proprio in Piazza Bertacchi dei volontari di Protezione civile indicativamente dalle ore 9 alle ore 17. Saranno allestiti gazebo informativi della campagna Io non rischio - Buone pratiche di protezione civile e con materiale fotografico e tecnico relativo ad alcuni incendi boschivi che hanno colpito la Valchiavenna.

I volontari di Protezione civile e i vigili del fuoco inoltre predisporranno degli automezzi utilizzati nelle attività di antincendio boschivo. Oltre ai volontari di Protezione civile specializzati nell’antincendio boschivo e coordinati da Comunità Montana, saranno presenti i volontari del Gruppo di Protezione civile “Colline bergamasche” appositamente formati per guidare la campagna Io non rischio e i vigili del Fuoco.

Sul sito ufficiale www.iononrischio.protezionecivile.it e sui canali social della Campagna (Facebook, Twitter e Instagram) con l’hasthag #iononrischio2023 è possibile consultare materiali informativi e trovare informazioni utili.

L’iniziativa Io non rischio - Buone pratiche di protezione civile è una campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali e antropici che interessano l’Italia, promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione civile con Anpas - Associazione nazionale delle pubbliche assistenze, Ingv - Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ReLUIS - Consorzio della rete dei laboratori universitari di ingegneria sismica e Fondazione CIMA, in accordo con la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome e Anci - Associazione nazionale Comuni italiani. Io non rischio - Buone pratiche di protezione civile punta a promuovere una cultura della prevenzione, favorire un approccio attivo nella riduzione dei rischi e si rivolge ai cittadini attraverso i volontari di protezione civile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi boschivi in Valchiavenna: ecco come evitare che accadano di nuovo

SondrioToday è in caricamento