rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Sondrio, ecco il nuovo ponte sulle Cassandre: "Opera ardita"

Inaugurato ufficialmente il collegamento ciclopedonale sopra il Mallero tra Mossini e Ponchiera. Il sindaco Scaramellini: "Collegamento utile, iconico e attrattivo". Le foto della cerimonia

Sondrio ha una nuova opera pubblica, pensata per migliorare la vita della comunità. "Un'opera ardita, utile, iconica ed attrattiva", come l'ha voluta definire il sindaco, Marco Scaramellini. Inaugurato ufficialmente lungo la mattinata di sabato 13 novembre il nuovo ponte ciclopedonale sopra le Cassandre del Mallero, tra le frazioni di Ponchiera e Mossini. Una cerimonia partecipata, alla presenza della più alte cariche istituzionali locali e regionali.

Le dichiarazioni

"Per realizzare quest'opera ci sono volute delle competenze superiori alla media, abbiamo dimostrato progettualità, pragmatismo e efficienza. Grazie a chi ha creduto nel nostro progetto, in primis Regione Lombardia, e chi si è speso in prima persona. Questo ponte è un tassello fondamentale per il rilancio dell'immagine di Sondrio, sia per la vita dei sondriesi sia per i turisti che vorranno farci visita. Grazie, infine, a chi ci ha ceduto i terreni per realizzare l'opera, sopportando anche i disagi che il cantiere ha comportato. Ora chiediamo lo sforzo di aiutarci a vigilare perchè il ponte venga usato correttamente" ha aggiunto Scaramellini.

"Oggi bisogna fare i complimenti a chi ha avuto l'idea di questo collegamento perchè arricchisce l'offerta attrattiva del territorio - ha sottolineato il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana - È un intervento affascinante che permetterà sicuramente di ampliare l'offerta turistica di Sondrio. Ora godiamoci quest'opera".

"Sondrio è nel cuore delle Alpi. Devo fare i complimenti a questa Amministrazione comunale per come ha lavorato in questi anni, portando avanti i progetti giusti. Ben vengano opere così, capaci di richiamare turisti, inserite in quello splendido contesto che sono i nostri terrazzamenti" ha sottolineato l'assessore regionale alla Montagna, Enti Locali e Piccoli Comuni, Massimo Sertori, facendo riferimento, tra le altre, alle Olimpiadi del 2026 come occasione per tutti il territorio provinciale. 

"Oggi si inaugura un piccolo grande tassello per Sondrio, utile per i cittadini e di richiamo per i turisti. Speriamo che il ponte venga usato correttamente e non diventi un richiamo globale per qualche 'base jumper' che venga qui per arrampicarsi e buttarsi nel vuoto" ha rimarcato il neo vice prefetto, Michele Giacomino.

Sondrio, inaugurato il ponte sulle Cassandre - 13 novembre 2021

Persone coinvolte

Particolarmente sentito l'intervento di Andrea Massera, assessore sondriese ai Lavori Pubblici. Ripercorrendo le tappe dell'opera, dalla prima idea, inserita nel programma elettorale del 2018, fino alla realizzazione, ha voluto ricordare e ringraziare le tante persone che si sono impegnate per concretizzare il progetto del ponte sulle Cassandre: dalle ditte coinvolte (Tmg Scavi di Berbenno, Cmm Rizzi di Vezza d'Oglio, Montagna Costruzioni di Sondrio), al pool di progettisti (l'architetto Francesco Venzi, lo Studio Moncecchi Associati, la Maffeis Engineering, il geologo Maurizio Azzola e il geometra Christian Bassola) fino all'Ufficio Tecnico comunale. "Da qui parte tutto. Questo è un ponte che ci porta nel futuro" ha dichiarato Massera.

Soddisfatti i progettisti, rappresentati per l'occasione dall'architetto Venzi e dall'ingegnere Marco Moncecchi. Dai primi confronti, cartina alla mano, fino ai sopralluoghi in un contesto ostile e boscato. "Questo ponte è un'opera emblematica in simbiosi con il territorio. Non era semplice ma ci siamo riusciti. Servivano le competenze giuste. Fondamentale la passione di tutte le persone coinvolte" hanno evidenziato i due.

Dopo la benedizione del parroco di Sondrio, don Christian Bricola, il quale ha sottolineato l'importanza di costruire ponti in questa società, non solo fisici, si è passati al taglio del nastro, per mano di Scaramellini e Fontana, coadiuvati dai rappresentanti della corsa in montagna "Valtellina Wine Trail".

Proprio la corsa tra le vigne e le cantine della Media Valtellina sarà la prima vera occasione di 'collaudo' del ponte. Sabato 20 novembre, infatti, come ricordato da Marco De Gasperi, saranno 2mila gli atleti che percorreranno di corsa il collegamento sospeso, prima di "planare" verso il centro di Sondrio dove sarà posto il traguardo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, ecco il nuovo ponte sulle Cassandre: "Opera ardita"

SondrioToday è in caricamento