rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

Impianti sciistici in provincia, sempre più vicino l'arrivo dei ristori dopo il fermo causa covid-19

Oggi Regione Lombardia ha definito i comprensori interessati: 16 sono in provincia di Sondrio

E' stato definito da Regione Lombardia, con una delibera proposta dal presidente Attilio Fontana, di concerto con gli assessori Massimo Sertori (Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni) e Lara Magoni (Turismo, Marketing territoriale e Moda) l’elenco dei comprensori sciistici e dei Comuni con i requisiti per accedere ai fondi del ‘Dl Sostegni’ (41/2021) e del ‘DL Sostegni/bis’ (73/2021).

La delibera identifica i comprensori come territori costituiti dai Comuni che hanno al proprio interno impianti da risalita o piste da sci, sia da discesa che di fondo, e che hanno le caratteristiche per poter beneficare dei ristori per il fermo subito a causa del Covid-19.

In provincia di Sondrio sono 16 i comprensori che potranno usufruire di questi contributi: Aprica, Bormio, Campodolcino, Caspoggio, Chiesa in Valmalenco, Gerola Alta, Lanzada, Livigno, Madesimo, Piuro, Teglio, Tirano, Valdidentro, Valdisotto, Valfurva, Villa di Tirano.

La dotazione

Per le imprese e i Comuni dei comprensori identificati dalle Regioni, il ‘DL Sostegni’ mette a disposizione un fondo di 700 milioni, di cui 430 milioni per gli esercenti di attività di impianti di risalita a fune, 40 per maestri di sci e scuole di sci e 230 per le impresse turistiche. Con il ‘DL Sostegni/bis’, c’è poi stato un ulteriore incremento di 100 milioni per le imprese turistiche, portando il fondo per queste attività a 330 milioni. 

In arrivo gli indennizzi

“La definizione dei comprensori sciistici è un ulteriore passo propedeutico per far arrivare i giusti indennizzi al comparto della montagna. Siamo sempre più vicini alla concretizzazione di quanto promesso dal ministro Garavaglia e dal presidente Fontana, all’indomani del blocco dell’apertura degli impianti di risalita e della stagione invernale, che ha arrecato molti danni economici agli operatori della montagna” - ha sottolineato l'assessore Massimo Sertori - Dopo mesi di lavoro intenso da parte delle Regioni e del Ministero siamo ormai alle ultime definizioni necessarie per l’erogazione degli 800 milioni degli indennizzi messi a disposizione dal governo. Guardiamo al turismo estivo della montagna con ottimismo, sia per la condizione sanitaria molto migliorata sia perché le risorse messe a disposizione consentiranno ai vari operatori di affrontare le necessità economiche, future con maggiori capacità”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianti sciistici in provincia, sempre più vicino l'arrivo dei ristori dopo il fermo causa covid-19

SondrioToday è in caricamento