Il riassetto della sanità locale preoccupa l'Alta Valle, in centinaia agli incontri di Bormio e Livigno

Ampiamente partecipati entrambi gli incontri pubblici in difesa dell'ospedale Morelli di Sondalo. Ora la mediazione con Regione Lombardia

Un esplicito cartello tra la platea dell'incontro di Bormio

Il riassetto della sanità provinciale preoccupa non poco gli abitanti dell'Alta Valtellina accorsi numerosi agli incontri proposti dal “Comitato a difesa della sanità di montagna-Io sto con il Morelli” durante l'ultima settimana.

Dopo il primo incontro, tenutosi a Sondalo, anche gli altri due appuntamenti, organizzati a Bormio prima e a Livigno poi, hanno visto una partecipazione assai numerosa di cittadini.

In entrambi i casi la sala era gremita con centinaia di persone giunte per ascoltare la posizione del comitato, rappresentato dall’ex sindaco di Sondalo, Luigi Grassi, insieme all’ex sindaco di Tirano, Pietro Del Simone ed al dottor Giuliano Pradella.

Insieme a loro, al tavolo dei relatori, sedevano i sei sindaci del mandamento di Bormio firmatari della contropiano redatto in risposta a quello proposto dal Politecnico di Milano su mandato di Regione Lombardia: Ilaria Peraldini, sindaco di Sondalo, Massimiliano Trabucchi, sindaco di Valdidentro, Damiano Bormolini, sindaco di Livigno, Angelo Cacciotto, sindaco di Valfurva, Alessandro Pedrini, sindaco di Valdisotto, e Roberto Volpato, sindaco di Bormio.

Ora, con ogni probabilità, il Comitato, supportato dai sindaci firmatari, cercherà una mediazione con la Provincia di Sondrio e, soprattutto, con Regione Lombardia, al fine di trovare la migliore soluzione per il Morelli rassicurando così i cittadini preoccupati del mandamento di Bormio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi era stato l'assessore alla Montagna di Regione Lombardia, il pontasco Massimo Sertori, a paventare un confronto tra le parti per individuare una soluzione che possa ovviare la contrapposizione venutasi a creare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento