menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Sanità, in Lombardia si rinnova la ex guardia medica: al via il nuovo numero di telefono 116.117

Attivato il numero unico europeo di continuità assistenziale. L'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera: «Dietro questo numero c'è un grande efficientamento del servizio effettuato negli anni. È stato testato e ha dato risultati importanti»

È attivo da oggi in tutta la Lombardia (fatta eccezione per Brescia che 'parte' lunedì prossimo) il numero unico europeo di continuità assistenziale (ex guardia medica) 116.117. Consente l'accesso ai servizi di cure mediche non urgenti e altri servizi sanitari e concorre alla gestione della domanda assistenziale a bassa intensità/priorità.

Il servizio, completamente gratuito, è attivo dalle 20 alle 8 nei giorni feriali e 24 ore su 24 nei festivi e prefestivi. Il numero unico è stato presentato dall'assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera e dal direttore dell'Agenzia regionale per l'emergenza urgenza (Areu), Alberto Zoli. Il centralino mette in contatto l'utente con un operatore competente oppure con un medico per assicurare assistenza o consulenza sanitario.

«Siamo molto soddisfatti - ha detto Gallera - del lavoro che si è sviluppato nei mesi e che ha consentito alla Lombardia di essere la prima regione in Italia ad attivare questo servizio. Dietro questo numero c'è un grande efficientamento del servizio effettuato negli anni. È stato testato e ha dato risultati importanti». 

Come funziona

È stato lo stesso assessore Gallera a spiegarne il funzionamento. Dopo pochi secondi dalla chiamata (nel 75% dei casi sono sufficienti 2 o 3 squilli) "un operatore laico smista la richiesta a seconda della necessità richiesta e ne verifica l'effettiva presa in carico. Siamo molto orgogliosi di questo grande sforzo organizzativo di Areu che si conferma capofila in Italia nel settore dei bisogni dei cittadini". 

 Numerosi i vantaggi che offre il nuovo numero unico, fra gli altri:

 - è sempre attivo un servizio di interpretariato telefonico

- l'attività viene completamente informatizzata

- la registrazione vocale delle chiamate in entrata e in uscita e la conseguente tracciabilità di qualsiasi comunicazione

- l'integrazione fra soccorso e continuità assistenziale

 Il direttore generale dell'Areu, Alberto Zoli, fra l'altro ha sottolineato anche che «il risparmio annuale sarà di circa 1 milione di euro l'anno. Inoltre, il numero, gratuito, è chiamabile sia da rete fissa che mobile e garantisce assistenza e consulenza sanitaria tramite un operatore e non un risponditore automatico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento