rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Attualità Livigno

Livigno investe nella sua Sanità

Comune e Bim investono 400mila euro per riqualificare la Casa della Comunità e ammodernarne le strumentazioni diagnostiche. Il sindaco Galli: "Questi investimenti hanno lo scopo anche di creare la rete con l'ospedale di Sondalo che è troppo importante per noi"

Il Comune di Livigno investe sulla sanità. Lo scorso 29 luglio 2022, durante il Consiglio comunale, l'Amministrazione Galli ha deciso di stanziare, grazie all'avanzo di gestione e alla conseguente variazione di bilancio, 250mila euro per riqualificare la Casa della Comunità. Nello specifico si interverrà sulla camera calda, lo spazio all'ingresso del presidio sanitario pensato per evitare sbalzi termici ai pazienti duranti i trasbordi, e sull'ingresso del pronto soccorso per i pazienti trasportati in ambulanza ed in elicottero. Contestualmente il BIM dello Spol ha stanziato 150mila euro per l'ammodernamento di alcune strumentazioni diagnostiche.

Soddisfatto delle scelte il sindaco del Piccolo Tibet, Remo Galli, da sempre attento alle sinergie con l'ospedale "Eugenio Morelli" di Sondalo, le cui sorti destano sempre più preoccupazione. "L’Amministrazione è molto attenta al tema sanitario e ben volenterosa di sostenere tutte quelle iniziative che garantiscono una sanità adeguata ai cittadini. Continuiamo anche la nostra battaglia per preservare e tutelare l’ospedale di Sondalo. Questi investimenti hanno lo scopo anche di creare la rete con questo ospedale che è troppo importante per noi. Proprio per questo in relazioni agli investimenti chiediamo ad Asst una presenza costante dei sanitari. Inoltre, sulla sanità auspico nel breve un tavolo provinciale con tutti i sindaci e istituzioni per affrontare il problema sanitario valtellinese a 360 gradi in modo serio e con un percorso di competenza ed autonomia. Da Livigno passando per Sondalo e Sondrio fino ad arrivare alla Valchiavenna, solo uniti potremo affrontare e provare a risolvere i tanti problemi della nostra sanità".

La cura del prossimo al centro delle scelte comunali; ne è convinta la consigliera con delega alla Sanità, Michela Iori. "Gli interventi programmati, che avranno luogo durante i prossimi mesi, permetteranno di adeguare l’offerta sanitaria territoriale, qualificandola, così da migliorare la nostra sanità di montagna fornendo servizi e strutture più vicine e potenziate. Vogliamo cercare di garantire una risposta concreta volta ai nostri concittadini e agli ospiti che ogni giorno frequentano la località. Vorrei anticipare, inoltre, che a breve partiranno i primi corsi gratuiti inerenti il primo soccorso rivolti a tutta la cittadinanza, organizzati dall’amministrazione comunale, che mi vedranno partecipe in prima persona".

"L’assemblea del Bim dello Spol è stata ben contenta di destinare 150mila euro ad un’attività essenziale con il fine di migliorare il servizio sanitario locale. Come Bim dello Spol ci teniamo ogni anno a sostenere iniziative importanti che possono riguardare temi sociali, socio-assistenziali, sportivi, di sicurezza del territorio  per i nostri paesani", conclude Marco Zini, presidente del Bim dello Spol.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Livigno investe nella sua Sanità

SondrioToday è in caricamento