menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata contro la violenza sulle donne, la maratona artistica de "Il coraggio di Frida"

Il centro antiviolenza protagonista con due eventi di sensibilizzazione: “Porte Aperte sull’arte” e “Storie, di donne, di drammi e storie di nuove possibilità” in collaborazione con il Comune di Delebio

In occasione della “Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne” in programma oggi, mercoledì 25 novembre, il centro antiviolenza valtellinese "Il coraggio di Frida" propone l’evento “Porte Aperte sull’arte” in collaborazione con diverse realtà del territorio e con il contributo di Provaltellina. Sarà un momento per dare voce e spazio ad artiste donne del territorio che celebreranno, esibendosi tramite la loro arte, la bellezza e il coraggio di essere donne. L’evento sarà interamente online e trasmesso sulla pagina Facebook “Il Coraggio di Frida” durante l’intera giornata.

Le operatrici di "Frida" saranno inoltre presenti all’evento organizzato in collaborazione con il Comune di Delebio dal titolo “Storie, di donne, di drammi e storie di nuove possibilità”, che si terrà online alle 21.15 dello stesso giorno sulla pagina Facebook e Youtube del Comune di Delebio. «Vogliamo creare una piazza virtuale dove poterci ritrovare tutte. Il periodo che stiamo vivendo è caratterizzato da sofferenze, dolore, a volte prigioni emotive e fisiche. Noi di Frida vogliamo dire che ci siamo. Ci siamo come organizzazione, ci siamo come donne» hanno commentato Laura Berti e Manuela Rossi, coordinatore e presidente de "Il coraggio di Frida".

Il coraggio di Frida

"L'anima di Frida è combattente ma sensibile, sognatrice, ma pragmatica. È cura, ma non solo. È promotrice della possibilità di essere se stesse, libere, autentiche e autodeterminate." Sono questi i principi guida de "Il coraggio di Frida", nata nel 2016 all'interno della "Rete Provinciale Antiviolenza", con l'intento di sostenere ed aiutare le donne del territorio che vivono o hanno vissuto una situazione di violenza.

Il centro antiviolenza si propone come un luogo di accoglienza e di ascolto dove le donne possono essere al centro del proprio percorso e delle proprie decisioni, supportate da un'equipe multidisciplinare di professioniste con esperienza pluriennale adeguatamente formate sulla tematica. Tutto ciò che viene offerto dal Centro Antiviolenza è gratuito e garantisce riservatezza e anonimato. Oltre allo sportello di Sondrio e attivo anche lo sportello di Chiavenna.

Le donne possono contattare le operatrici tramite numero di telefono 3353461780 mail coraggiodifrida@gmail.com oppure accedere liberamente allo spazio durante gli orari di apertura garantiti.

"Il coraggio di Frida" è aperto a Sondrio dal lunedì al venerdì secondo il seguente orario:

Lun 09.00 12.00

Mar 14.00 17.00

Mer 10.00 13.00

Gio 9.00 12.00

Ven 11.00 14.00

Sportello di Chiavenna:

Mar 14.00 17.00

Ven 09.30 12.30

Rimane sempre attivo il numero nazionale 1522 0 il numero unico di emergenza 112.

Oltre alla dimensione di intervento in situazioni di violenza, "Il coraggio di Frida" promuove azioni di prevenzione con interventi di informazione, sensibilizzazione e formazione sui temi della violenza e riflessione sugli stereotipi di genere. ln questa direzione vanno le diverse collaborazioni avviate negli anni con artiste, professioniste e realtà del territorio, per promuovere una cultura che apra le porte ad una nuova consapevolezza e ad un nuovo modo di essere società civile, sostenendo l'empowerment femminile in ogni sua forma. Tra le collaborazioni in atto si ricorda quella con Deborah Tommasini, autore di fumetti e membro del collettivo femminile "Le Moleste", che si pone tra i principali obiettivi quello di combattere i comportamenti abusanti nel mondo del fumetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Chiuro in lutto, il covid si è preso don Attilio Bianchi

Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento