menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gerola Alta, il Covid19 ferma la tradizione del Legato Bedolino

Una tradizione che dura da quasi 500 anni

Il Coronavirus ferma la tradizione del Legato Bedolino a Gerola Alta. A causa della Pandemia da COVID, il giorno 2 Novembre alla S.Messa per il giorno dei Morti, non verrà distribuito il pane e il formaggio come da Lascito Bedolino.

L'amministrazione comunale del paese orobico comunque intende rispettare la volontà del lascito, impegnando i soldi risparmiati, per il riscaldamento della Chiesa di Gerola. 

Il sale per i residenti verrà comunque consegnato come gli altri anni.

Cos'è il Legato Bedolino? 

Gli amministratori del paese consegnano all'uscita della messa in onore dei defunti, davanti alla chiesa, «filoni di pane e fette di Bitto». La cerimonia viene mantenuta con orgoglio e celebrata in osservanza di un antico lascito. Si tratta appunto del “Legato Bedolino” un legato, “lascito” vincolato con trasmissione di diritti, “in perpetuo” che riguarda le disposizioni testamentarie lasciate 470 anni fa dal gerolese Pietro de' Mazzi, detto il “Bedolino”. Possidente di prati e colline, abitava in Val Gerola, e alla sua morte nel 1545 lasciò alla «comunità e ai compaesani, metà del monte di Trona, con i suoi pascoli e alpeggi». Insieme ai prodotti e ai proventi, per una pastorizia di montagna che già allora era un bene. Nell’archivio parrocchiale della chiesa del paese, la chiesa di San Bartolomeo esiste la copia originale del lascito che riguarda «metà del monte di Trona», oggi alpeggio di Trona Soliva, a questa speciale condizione. «Che i consoli e gli amministratori di detto Comune di Gerola, in perpetuo, siano tenuti a convertire il provento di tale monte e a distribuirlo a tutti gli uomini di qualunque condizione di detto Comune ogni anno».

In precedenza veniva distribuito, “pane e sale”, nel 1600 “l'assemblea del paese” stabilì che si distribuisse «pane e formaggio il 2 novembre e sale l'11 novembre a San Martino». Lo storico di Gerola, Cirillo Ruffoni ha ricordato ieri come, questa osservanza ad un antico legato testamentario, sia l'ultima testimonianza di questo tipo rimasta in Valtellina e forse in tutto l'arco alpino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bambini, apre a Sondrio il negozio di giocattoli "Città del sole"

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Lupi in Valtellina e Valchiavenna, è polemica

  • Incidenti stradali

    Traona, rocambolesco incidente sulla Valeriana

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento