menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conclusi i lavori sulla strada del Passo Gavia

Opere importanti che consentono di riconsegnare agli utenti, sempre più numerosi (automobilisti, motociclisti e sempre più anche ciclisti), un’infrastruttura più sicura e confortevole

Si sono conclusi nella giornata di mercoledì 23 settembre 2020 i lavori di manutenzione straordinaria sulla parte sommitale della strada del Gavia, tutti sopra i 2300 metri di quota, tra i Km 20 e 25 della SP 29, nel comune di Valfurva. Iniziati a luglio 2019 e poi subito sospesi a causa della prolungata chiusura della strada dello scorso anno, dovuta alla frana del Ruinon, i lavori sono costati 282.000 euro (più iva).

Dopo la stagione invernale, in cui il passo risulta impraticabile, e grazie al fatto che quest’anno la strada non è quasi mai stata chiusa a causa della frana, le lavorazioni sono potute riprendere a luglio 2020 e si sono concluse proprio in questi giorni. Opere importanti (cunette laterali e griglie per la raccolta e regimazione delle acque di versante, muretti di contenimento e asfalti), che consentono di riconsegnare agli utenti, sempre più numerosi (automobilisti, motociclisti e sempre più anche ciclisti), un’infrastruttura più sicura e confortevole.

«Sono molto soddisfatto che i lavori siano stati portati a termine nonostante ormai da quasi un anno sappiamo che la strada è destinata a tornare in gestione ad ANAS. È comunque un’infrastruttura strategica, soprattutto per il turismo, su cui le due Province (Sondrio e Brescia) e la Regione, in collaborazione anche con il Parco dello Stelvio, negli ultimi anni hanno investito molto. Mi auguro che anche ANAS nei prossimi anni prosegua con questa visione, continuando nel programma di investimenti che è stato intrapreso, al fine di apportare quei miglioramenti di cui comunque la strada ancora necessita» ha commentato il presidente della Provincia di Sondrio, Elio Moretti.

Nell’ottica di continuare a migliorare la SP 29 anche la convenzione sottoscritta a giugno tra Provincia, Regione e ANAS, che consentirà al nuovo gestore di realizzare, già il prossimo anno, i previsti lavori di rafforzamento del rilevato esistente in corrispondenza della frana del Ruinon (importo complessivo di circa 1,5 milioni di euro).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento