rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Attualità

La Valchiavenna vuole l'impiego dell'elisoccorso h24, l'avvallo di Massimo Sertori

Dopo la tragica morte di Daniele Bradanini il territorio si mobilità per rendere sempre operativo l'elicottero per le emergenze-urgenze di base a Caiolo: «È un diritto sacrosanto dei nostri cittadini»

«Il servizio di emergenza-urgenza in Valtellina e Valchiavenna, per quanto possa essere efficiente, credo abbia ulteriori spazi di miglioramento.E in questa direzione bisogna lavorare. In relazione alla disponibilità dell’Elisoccorso con base a Caiolo, negli ultimi mesi si è passati da un utilizzo limitato alle ore diurne, a h12, ma ritengo si possa e si debba arrivare alla copertura h24». A dichiararlo l'assessore regionale alla Montagna, Massimo Sertori, dopo la morte di Daniele Bradanini, l'artigiano di Valdidentro colpito da infarto e trasportato dopo un lungo viaggio fino all'ospedale di Sondrio con l'ambulanza vista l'impossibilità di alzarsi in volo dell'elisoccorso (leggi qui). 

«Sull’argomento, mi hanno contattato in questi giorni alcuni sindaci della Provincia di Sondrio i quali, pur sapendo non essere una mia competenza diretta, mi hanno chiesto un intervento presso la Regione. Ho raccolto il loro invito condividendone il merito. Pertanto farò tutto il possibile per arrivare al raggiungimento degli obiettivi» ha aggiunto Sertori.

La richiesta della Valchiavenna

Le parole di Sertori arrivano nella giornata in cui dalla Valchiavenna si è alzato un grido d'allarme. «Considerato il dibattito pubblico in corso sull'organizzazione del servizio di elisoccorso notturno e ribadite le caratteristiche montane del territorio e la diffusione dei centri abitati con lunghi e non sempre agevoli tempi di percorrenza per gli interventi di soccorso su gomma, alla luce del recente acquisto, per la sede elisoccorso di Caiolo, di un nuovo elicottero moderno e performante, si chiede un decisivo e tempestivo intervento al fine di autorizzare il velivolo e l'equipaggio in servizio a Caiolo all'esecuzione del volo notturno h24 (al pari ad esempio di Como e Brescia) su tutto il territorio della provincia di Sondrio».

La precisa richiesta, definita come «un diritto sacrosanto dei nostri cittadini», porta la firma di Davide Trussoni, presidente della Comunità Montana della Valchiavenna, Luca Della Bitta, sindaco di Chiavenna e Roberto Scaramellini, presidente Assemblea Distrettuale dei Sindaci della Valchiavenna, ed è rivolta a tutte le autorità competenti in ambito sanitario.

159000957_1393864064291847_7295441720580472070_o-2

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Valchiavenna vuole l'impiego dell'elisoccorso h24, l'avvallo di Massimo Sertori

SondrioToday è in caricamento