rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
cuore d'oro

La generosità dei valtellinesi, donati 230 mila euro agli ospedali nel 2021

Il dg di Asst Valtellina e Alto Lario, Tommaso Saporito: "Molto grati a tutte le persone che colgono i bisogni del territorio e ci aiutano a soddisfarli"

Nel corso del 2021 l'Asst Valtellina e Alto Lario ha ricevuto donazioni per oltre 230 mila euro: un valore consistente, rappresentato da beni e da somme di denaro, che testimonia l'attenzione del territorio nei confronti del sistema sanitario provinciale. Privati cittadini e associazioni hanno offerto contributi di diversa entità per ricordare un congiunto o per dotare le strutture di nuove apparecchiature e di arredi, manifestando la loro riconoscenza nei confronti del servizio garantito ai cittadini.

"I valtellinesi e i valchiavennaschi sono molto generosi - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito - e dimostrano la loro vicinanza attraverso le numerose donazioni che riceviamo. Siamo molto grati a tutte le persone che colgono i bisogni del territorio e ci aiutano a soddisfarli: il loro è un riconoscimento al lavoro svolto dal nostro personale che accogliamo con particolare soddisfazione in questa situazione di emergenza sanitaria che richiede il massimo impegno da parte di tutti. La collaborazione dei cittadini e delle associazioni che operano in provincia di Sondrio risulta fondamentale per risolvere le problematiche e migliorare il servizio nell'interesse dei pazienti".

Donazioni utili

Oltre 60 le donazioni registrate nell'anno appena trascorso, un terzo riguardanti beni e le restanti in denaro: televisori e libri per riempire le giornate dei degenti, letti e poltrone per rinnovare gli arredi, termometri e saturimetri per aumentare la dotazione di piccoli apparecchi. Oltre a strumentazione d'avanguardia come l'analizzatore per test rapidi molecolari per il laboratorio dell'Ospedale di Sondalo, il dermatoscopio in uso al servizio di Dermatologia dell'Ospedale di Sondrio, entrambi donati dall'associazione "Insieme per vincere", il monitor defibrillatore acquistato dalla Caritas diocesana. La Fondazione Pro Valtellina ha donato 40 poltrone per i centri vaccinali e Ail, l'Associazione italiana contro la leucemia, ha garantito arredi e monitor alla Medicina generale del presidio di Sondrio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La generosità dei valtellinesi, donati 230 mila euro agli ospedali nel 2021

SondrioToday è in caricamento