Squadre di medici nelle abitazioni e strutture per degenza post ricovero: nuovi strumenti contro il covid-19

Ad attivarli l'ATS della Montagna

Per rendere più efficiente la gestione dei malati durante l'emergenza covid-19, nella giornata di lunedì 6 aprile 2020, l’ATS della Montagna ha ufficialmente attivato le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA).

Come previsto dalla recente delibera Regionale le USCA possono essere attivate solo su segnalazione del medico di medicina generale.  Questo servizio è riservato – previa attivazione da parte del medico di famiglia – a tutti i pazienti che necessitano di una visita domiciliare.

In provincia di Sondrio, le USCA sono operative a Sondrio e Bormio.

In una situazione di ormai cronica difficoltà di reperimento di figure professionali idonee, resa ancor più drammatica dall’epidemia, l’ATS comunica che alla manifestazione di interesse pubblicata dei giorni scorsi hanno risposto anche medici provenienti da fuori provincia dimostrando, dunque, grande disponibilità e senso di generosità; prenderà servizio anche un Medico inviato dalla protezione Civile.

Una volta attivati dal medico di medicina generale, i medici delle USCA svolgeranno – muniti degli adeguati dispositivi di protezione – le visite domiciliari al fine di accertare le condizioni del paziente e di valutare anche l’attivazione, sempre da parte del Medico di Medicina generale, di un nuovo profilo assistenziale ADI Covid (Assistenza domiciliare integrata per pazienti con infezione da Coronavirus) per il necessario follow up.

«Abbiamo attivato queste 4 unità – spiega il Direttore Sanitario, Maria Elena Pirola – laddove abbiamo riscontrato una maggior casistica. Stiamo lavorando per attivarne una quinta che da Sondrio possa coprire tutta la zona est della provincia, dunque bassa Valtellina e Valchiavenna. Il vero problema resta quello della carenza di personale medico».

Degenze sorvegliate

ATS della Motagna si sta anche attivando anche per individuare strutture che gestiscano le “degenze di sorveglianza” come previsto dalla delibera regionale 3020/2020.  Questi centri saranno destinati ad accogliere pazienti Covid che non possono essere assistiti a domicilio ma necessitano di strutture dotate di presidi sanitari per la gestione anche dell’ossigeno-terapia, ma con un livello socio-assistenziale più basso rispetto alla degenza ospedaliera.

Per accedervi le persone dovranno essere segnalate all’ATS dai medici di medicina generale o dall’ASST.  Il ruolo di ATS in questo specifico caso è quello di contrattualizzare tali strutture e di autorizzare l’attivazione del servizio.

«Sono molteplici le attività alle quali ci stiamo dedicando per trovare risposte tempestive ed adeguate alle esigenze del territorio – commenta il Direttore Generale, Lorella Cecconami – questo, insieme alle USCA, è solo uno dei tasselli che via via compongono il quadro degli interventi in questa situazione di emergenza».

L’ATS della Montagna lunedì ha pubblicato anche due avvisi per la ricerca di strutture alberghiere e soggetti per la gestione socio-sanitaria, in grado di accogliere persone COVID 19 positive in dimissione da reparti ospedalieri o persone potenzialmente COVID provenienti dal domicilio – su indicazione del medico curante – che, pur essendo stabilizzate, necessitano di poter fruire di una forma “protetta” di isolamento, per condizioni di salute, di solitudine e/o fragilità sociale, per condizioni abitative e socio-familiari non adeguate.

Il primo avviso è rivolto ai soggetti proprietari delle strutture che vogliano metterle a disposizione per queste finalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo è rivolto a soggetti economici (cooperative, società, fondazioni…) in grado di mettere a disposizione personale, organizzazione e servizi per la gestione della struttura.  Sul secondo bando è ammessa anche la presentazione di proposte in partenariato tra la proprietà e i soggetti gestori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

  • Coronavirus, la settimana nera della scuola valtellinese: 18 classi in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento