rotate-mobile
la svolta

Da oggi nuove regole per green pass e quarantene scolastiche

Le nuove misure decise al governo nell'ultimo Consiglio dei ministri segnano un graduale ritorno alla normalità. Tutte le novità

Da oggi, lunedì 7 febbraio 2022, regole più chiare e semplificate per salvare l'anno scolastico e per gestire e ridurre la circolazione del virus in classe. Entrano in vigore le nuove misure per la gestione dei casi di positività al covid nelle scuole, norme messe a punto dal governo dopo il Consiglio dei ministri del 2 febbraio scorso. Nel frattempo a mutare sono anche le norme per la quarantena: passa da dieci a cinque giorni la quarantena per le persone non vaccinate che sono entrate in contatto stretto con una persona positiva. Dall'11 febbraio, poi, viene meno l'obbligo delle mascherine all'aperto. Vediamo nel dettaglio cosa cambia e come.

Green pass

Per chi si è sottoposto al ciclo vaccinale completo, con tre dosi, e per chi ne ha ricevute due e poi ha avuto il virus ed è guarito, il green pass non ha scadenza. Non vengono richieste altre vaccinazioni. Per chi invece ha fatto solo due dosi, la certificazione verde rimane valida solo per sei mesi (così come per chi si è ammalato, è guarito e poi si è sottoposto alle due dosi).

Il green pass base, quello ottenibile con tampone, consente di accedere a negozi e posto di lavoro se non si è over 50 (e quindi sottoposti all'obbligo vaccinale). Per entrare nei negozi che vendono beni di prima necessità, quali farmacie, alimentari e punti vendita per animali, non è necessario avere nessuna certificazione verde.

Per poter accedere a bar, ristoranti, cinema, teatri, musei e mezzi di trasporto è necessario il green pass rafforzato (ottenibile con ciclo vaccinale completo o guarigione dal covid). Chi è in possesso di quest'ultimo tipo di certificazione non viene sottoposto ad alcuna restrizione in caso di zona rossa. Qui di seguito la tabella pubblicata sul sito del governo (aggiornata al 3 febbraio) con tutte le attività consentite e vietate in base alla presenza del green pass base o rafforzato.

Tabella attività consentite green pass

Scuola 

Partiamo dalle scuole dell'infanzia, dove fino a quattro casi di positività nella stessa sezione/gruppo classe, l'attività educativa e didattica prosegue in presenza per tutti. È previsto l'utilizzo di mascherine Ffp2 da parte dei docenti e degli educatori fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un test molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto. Con cinque o più casi di positività nella stessa sezione/gruppo classe, invece, l'attività educativa e didattica delle scuole dell'infanzia è sospesa per cinque giorni.

Passiamo alla scuola primaria (le elementari). Fino a quattro casi di positività nella stessa classe, le attività proseguono per tutti in presenza con l'utilizzo di mascherine Ffp2 (sia per docenti sia per alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto. Con cinque o più casi di positività nella stessa classe, i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l'attività in presenza con l'utilizzo della mascherina Ffp2 (docenti e alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell'ultimo caso di positività. Per la permanenza in aula è sufficiente la certificazione verde, controllata tramite app mobile. Per gli altri alunni è prevista la didattica digitale integrata per cinque giorni.

Per quanto riguarda la scuola secondaria di primo e secondo grado, con un caso di positività nella stessa classe, l'attività didattica prosegue per tutti in presenza con l'utilizzo di mascherine Ffp2. Con due o più casi di positività nella stessa classe, i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l'attività in presenza con l'utilizzo di mascherine Ffp2. Per la permanenza in aula è sufficiente la certificazione verde, controllata tramite app mobile. Per gli altri studenti è prevista la didattica digitale integrata per cinque giorni.

L'autosorveglianza a scuola

Inoltre, con cinque o più casi di positività nei servizi educativi per l'infanzia, nella scuola dell'infanzia e nella scuola primaria e con due casi o più di positività nella scuola secondaria di primo e secondo grado, si applica ai bambini e agli alunni il regime sanitario dell'autosorveglianza, ove ne ricorrano le condizioni (vaccinati e guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, vaccinati con dose di richiamo). Altrimenti, se non ricorrono queste condizioni, si applica il regime sanitario della quarantena precauzionale di cinque giorni, che termina con un tampone negativo. Per i successivi cinque giorni dopo il rientro dalla quarantena, gli studenti dai 6 anni in su indossano la mascherina Ffp2.

I tamponi e l'autocertificazione

Vengono introdotti anche i tamponi "fai da te" - quelli che si comprano in farmacia, al supermercato o online - per infanzia ed elementari. Fino a 4 casi, infatti, si resta tutti in classe, ma se un bambino dovesse mostrare sintomi del virus dovrà sottoporsi a tampone: molecolare, antigenico oppure "autosomministrato". In caso quest'ultimo fosse negativo, per rientrare in classe basterà l'autocertificazione. Chi va in quarantena, in ogni ordine e grado d'istruzione, per tornare a scuola dovrà fare un tampone antigenico o molecolare e non avrà bisogno del certificato medico.

Quarantena ridotta per non vaccinati: le nuove regole

Passa da dieci a cinque giorni la quarantena per le persone non vaccinate che sono entrate in contatto stretto con una persona positiva. La stessa cosa vale per chi ha effettuato solo il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni. Lo prevede una circolare del ministero della Salute che aggiorna le misure di quarantena e autosorveglianza per i contatti stretti. Secondo il provvedimento - che si applica solo a persone asintomatiche - la cessazione della quarantena è condizionata all'esito negativo di un test finale rapido o molecolare. Inoltre è obbligatorio indossare Ffp2 anche per i cinque giorni successivi.

Nel dettaglio, la misura dei cinque giorni di quarantena nei casi di contatti stretti (ad alto rischio) con positivi, si legge nella circolare, si applica ai "soggetti asintomatici non vaccinati o che non abbiano completato il ciclo vaccinale primario (abbiano cioè ricevuto una sola dose di vaccino delle due previste) o che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni" e "ai soggetti asintomatici che abbiano completato il ciclo vaccinale primario o che siano guariti da precedente infezione da Sars-Cov-2 da più di 120 giorni senza aver ricevuto la dose di richiamo".

L'autosorveglianza per i vaccinati

Diverse sono invece le disposizioni per chi ha la totale copertura vaccinale e ha fatto anche la dose booster o è guarito negli ultimi 120 giorni. In questi casi è disposta, come era già previsto da una precedente circolare del 31 dicembre scorso, solo l'autosorveglianza di cinque giorni e l'obbligo di indossare la mascherina Fffp2 per dieci giorni in tutto. Sempre se non sono emersi sintomi, non serve un tampone negativo in uscita, così come già prevedeva il decreto di fine dicembre.

Nella circolare si legge: "Per i contatti stretti asintomatici che abbiano ricevuto la dose booster, oppure abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei 120 giorni precedenti, oppure siano guariti da infezione da Sars-Cov-2 nei 120 giorni precedenti, oppure siano guariti dopo il completamento del ciclo primario, non è prevista la quarantena e si applica la misura dell'autosorveglianza della durata di 5 giorni".

È prevista poi che venga effettuato un test antigenico rapido o molecolare alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto stretto con soggetti confermati positivi al Covid-19. "È fatto obbligo - conclude la circolare - di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2 per almeno 10 giorni dall'ultima esposizione al caso". 

Mascherine e discoteche

A partire dall'11 febbraio le mascherine non saranno più obbligatorie all'aperto. Andranno indossate ancora nei cinema, teatri, sui mezzi di trasporto pubblici (dove è obbligatoria la Ffp2), oltre che nei ristoranti, nelle palestre e nei centri sportivi, quando ci si sposta e si è nelle aree comuni (e non si sta svolgendo attività sportiva). Sempre l'11 febbraio riaprono le discoteche anche per ballare.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da oggi nuove regole per green pass e quarantene scolastiche

SondrioToday è in caricamento