menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Screening covid sugli studenti scuole superiori, i risultati per mandamento

Il direttore generale di Asst Valtellina e Alto Lario, Tommaso Saporito: «Si è trattato di uno sforzo notevole a livello organizzativo e per il personale che si è reso disponibile, per un'iniziativa che abbiamo ritenuto importante promuovere»

Sabato e domenica, in collaborazione con Ats Montagna e Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio si è svolto lo screening degli studenti degli istituti superiori in vista del loro rientro a scuola: un'iniziativa importante, organizzata e comunicata in tutta fretta per ovvie ragioni, non appena si è prospettato il passaggio della Lombardia da zona rossa ad arancione, alla quale avrebbe forse potuto aderire un maggior numero di studenti.

Complessivamente si è presentato il 39% dei 7791 studenti convocati, 3043 in totale: otto i positivi, pari allo 0,26%. Nello specifico: a Bormio 382 su 732, il 52,1%, con un caso positivo; a Morbegno 764 su 1716, il 44,5%, con due positivi; a Chiavenna 562 su 1184, il 47,4%; a Sondrio 924 su 3325, il 27,7%, con due positivi; a Tirano 411 su 834, il 49,2%, con tre positivi. Le percentuali per località sono poco significative poiché, com'è noto, a Sondrio vi sono istituti che accolgono molti studenti residenti in altri mandamenti che hanno raggiunto il centro più vicino a casa per eseguire il test antigenico.

«Si è trattato di uno sforzo notevole a livello organizzativo e per il personale che si è reso disponibile, per un'iniziativa che abbiamo ritenuto importante promuovere - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -. Vorrei porgere un sentito ringraziamento ai dipendenti di Asst e di Ats, alla Protezione civile provinciale e al presidente della Provincia Elio Moretti, all'Ufficio Scolastico Territoriale di Sondrio e al direttore Fabio Molinari?.

Per gli infermieri che normalmente eseguono i tamponi con il sistema "drive through" tutti i giorni, da lunedì a sabato, presso gli ambulatori mobili allestiti presso i Presidi territoriali, supportati da alcuni mesi a questa parte dai militari dell'Esercito, è stato un impegno ulteriore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento