«Tenere chiusi gli impianti sciistici vuol dire fare fallire l'economia della montagna»

L'allarme lanciato degli assessori regionali Davide Caparini (Bilancio, Finanze e Semplificazione) e Massimo Sertori (Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni)

«Tenere chiusi gli impianti sciistici vuol dire fare fallire l'economia della montagna. È una scelta scriteriata, incomprensibile da parte di un Governo disorientato». Lo dicono gli assessore regionali Davide Caparini (Bilancio, Finanze e Semplificazione) e Massimo Sertori (Montagna, Enti locali e Piccoli Comuni) intervenendo nel dibattito sugli impianti di risalita sciistici.

«Forse a Roma - proseguono i due assessori - non hanno ancora capito che gran parte del Paese non vive di stipendio garantito. Mentre a Natale si scierà in Svizzera, in Austria e in Francia secondo il Governo da questa parte delle Alpi dovrà essere tutto chiuso». 

«Le Regioni - spiegano Davide Caparini e Massimo Sertori - hanno approvato le linee guida per l'utilizzo degli impianti di risalita per gli sciatori amatoriali in massima sicurezza. Protocolli pensati per i diversi scenari. Dato che gli addetti del turismo della montagna devono programmare la stagione pretendiamo che il Governo riveda questa incomprensibile decisione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovata senza vita nell'Adda la donna di Buglio in Monte scomparsa domenica

  • Sondrio in lutto per la morte di Stefania Barcio

  • Fusine, si cerca nell'Adda una 50enne scomparsa da casa

  • In auto con la droga insieme al loro neonato di 5 mesi: denunciati due giovani di Sondalo

  • Corruzione e truffa aggravata, nei guai ex primario del Morelli di Sondalo

  • Covid, un nuovo focolaio nel reparto di Neurologia dell'ospedale di Sondrio

Torna su
SondrioToday è in caricamento