menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, la "lotta degli sci". Lombardia capofila: «Non è uno svago, a rischio 20 miliardi di euro»

L'appello delle regioni alpine al ministro dell'economia: «Chiudere ora significa non riaprire più»

Continua la "battaglia dello sci". Non si ferma lo scontro tra il governo - che ha in mente di disporre la chiusura degli impianti sciistici per Natale per prevenire qualsiasi potenziale occasione di contagio da coronavirus - e le regioni di montagna che invece spingono nella direzione opposta per non dare un altro duro colpo all'economia. 
 
L'ultimo punto lo hanno messo a segno mercoledì sera gli assessori allo sport di Lombardia, Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte, Trento e Bolzano, che hanno scritto al ministro dell'economia, Roberto Gualtieri, chiedendogli un incontro immediato. Gli esponenti delle regioni alpine hanno infatti sottolineato nella loro nota che bloccare la stagione sciistica significa "una perdita di indotto pari a 20 miliardi, una cifra vicina all'1% del Pil nazionale". 

«In questi ultimi giorni si sono ripetuti i messaggi di esponenti del Governo e virologi che affermano come si possa tranquillamente fare a meno della settimana bianca e dello sci, uno svago che non è indispensabile. Con questa nota, tuttavia, Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Provincia di Bolzano, Provincia di Trento, Veneto e Friuli Venezia Giulia intendono rimarcare al Governo la pericolosità di queste affermazioni», si legge nel comunicato firmato da tutti gli assessori. 

«Non è corretto parlare di solo sci, attorno alla stagione invernale abbiamo intere economie di montagna e alcune centinaia di migliaia di posti di lavoro perlopiù stagionali - hanno sottolineato -. Infatti agli impiantisti bisogna aggiungere i noleggi, le scuole di sci, i ristoranti, i rifugi, gli alberghi, i bar, i negozi e tutte le altre attività economiche legate, dall'artigianato alla filiera alimentare, senza dimenticare il settore dei traporti privati, dei servizi, della moda, dei carburanti e così via».

«Tutte le regioni alpine hanno calcolato in 20 miliardi l'indotto diretto della stagione invernale; è evidente che quest'economia caratterizza fortemente molte valli delle nostre Alpi, ma vale lo stesso anche per gli Appennini. Senza l'apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale - hanno rimarcato gli assessori uniti -. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l'intera stagione, molti non aprirebbero nemmeno più. Per questo motivo lanciamo un appello al Ministro dell'economia Roberto Gualtieri affinché ci possa incontrare ed ascoltare». 

«Il trasporto di persone sugli impianti a fune deve essere considerato alla pari di altri mezzi di trasporto, come bus e treni. Noi siamo pronti al confronto con il governo per evitare rischi collegati alle festività, e siamo sicuri che é possibile gestire la questione. Del resto quando chiediamo l'apertura dei comprensori sciistici in sicurezza grazie al protocollo approvato lunedì lo facciamo per tutelare un indotto che è vitale per la montagna, ad oggi non ci sono alternative per garantire un tale indotto e occupazione. Pertanto, sia in caso di prolungamento della chiusura dei comprensori sciistici sia nel caso di una riapertura con forti limitazioni di presenze sugli impianti e piste da sci, chiediamo al ministro Gualtieri e al governo Conte di prevedere adeguate misure economiche di ristoro per le attività direttamente ed indirettamente coinvolte», hanno concluso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento