Coronavirus Sondalo

Cala ancora la pressione sul Morelli di Sondalo, chiuso un altro reparto covid-19

Oggi le corsie per i malati di coronavirus presso l'ospedale dell'Alta Valle sono tre, oltre alla Terapia intensiva. Tommaso Saporito, direttore generale Asst Valtellina e Alto Lario: «I numeri lentamente scendono e questo è un dato molto positivo, ma raccomando a tutti, vaccinati e non, di usare la massima cautela»

In una settimana i pazienti covid-19 in cura all'Ospedale Morelli sono passato da 84 a 65, 19 in meno, tornando al dato di inizio marzo, tra la seconda e la terza ondata. Una situazione in costante miglioramento che ha consentito di chiudere uno dei reparti dedicati nel primo padiglione: oggi sono tre, oltre alla Terapia intensiva nel quarto padiglione che ospita otto pazienti in gravi condizioni, la metà dei quali nati negli anni Sessanta e Settanta.

Da venerdì scorso si è passati da 73 a 65 posti letto occupati con otto nuovi ricoveri. Tra sabato e domenica si sono purtroppo registrati altri due decessi, un uomo e una donna, di cui uno nato negli anni Venti e uno negli anni Trenta.

«I numeri lentamente scendono e questo è un dato molto positivo - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito -, ma raccomando a tutti, vaccinati e non, di usare la massima cautela per quanto riguarda i comportamenti per evitare che il virus si diffonda. È fondamentale indossare sempre la mascherina, assicurandosi che copra naso e bocca, mantenere la distanza di sicurezza e igienizzarsi o lavarsi costantemente le mani. Il virus va fermato con tutte le armi che abbiamo a disposizione: la più importante è certamente il vaccino ma anche le misure di protezione personale ci salvaguardano se correttamente adottate».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cala ancora la pressione sul Morelli di Sondalo, chiuso un altro reparto covid-19

SondrioToday è in caricamento