Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Ben 87 persone ricoverate nei tre reparti al completo (con un altro pronto ad aprire), oltre ai sette pazienti gravi ricoverati in Terapia intensiva

Il fine settimana appena trascorso ha fatto emergere una situazione sempre più negativa: oggi i pazienti ricoverati all'Ospedale Morelli sono 87, di cui sette gravi in Terapia intensiva, erano 64 giovedì scorso. Tra sabato e domenica sono entrati 13 nuovi malati covid-19, perlopiù settantenni, sessantenni e cinquantenni, mentre si sono registrati due decessi. Sette i dimessi. Tra gli 87 ricoverati ci sono 39 donne e 48 uomini, in Terapia intensiva il rapporto è di sei uomini contro una donna. Le persone provenienti dalle case di riposo sono una trentina, molte delle quali in buone condizioni di salute e vicine alle dimissioni, mentre tra i sette malati ricoverati ieri, tutti valtellinesi, non ci sono anziani delle Rsa. 

Riorganizzazione

Come richiesto dalla Regione Lombardia (leggi qui), l'Azienda sta riorganizzando l'attività ospedaliera per garantire il personale, medico, infermieristico e sociosanitario, nei reparti covid-19 già operativi e in quelli che saranno aperti a breve. Saranno garantite le terapie per i malati oncologici e l'emergenza urgenza, mentre sono stati sospesi gli interventi chirurgici programmati, ad eccezione di quelli oncologici che si effettueranno regolarmente. Attualmente nei reparti covid-19 lavorano 11 medici a tempo pieno, più altri a turno, coordinati dalla dottoressa Chiara Rebucci.

Tamponi

Per quanto riguarda i tamponi, quelli effettuati dall'Azienda dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono 19.350, di cui oltre 2200 positivi, tenendo conto anche di quelli ripetuti. Dal 15 settembre scorso ne sono stati eseguiti poco meno di seimila, di cui 424 risultati positivi, mentre per il solo mese di ottobre si arriva a quasi 400 su un totale di circa 4400.

Ad essere processati nel Laboratorio di analisi diretto dal dottor Antonio Croce sono i tamponi per controlli urgenti richiesti da Ats Montagna, quelli di alunni, insegnanti e personale non docente della scuola, quelli relativi all'attività ospedaliera e quelli dei dipendenti di tutti i settori dell'Azienda. In quest'ultimo caso, come avvenuto per il personale della Medicina di Sondalo, per un medico della Pediatria di Sondrio e per un altro del reparto di Chirurgia di Chiavenna, viene applicato il protocollo che prevede i controlli immediati su pazienti e dipendenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Nonna Maria, la valtellinese di ferro: a 101 anni ha sconfitto due volte il covid (e la Spagnola)

Torna su
SondrioToday è in caricamento