menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, al Morelli 14 ricoveri in 4 giorni

Dall'inizio di ottobre i ricoveri sono stati 89. Si affolla la Terapia intensiva

È un numero che continua a crescere quello dei ricoverati nei tre reparti covid-19 dell'Ospedale di Sondalo, nel padiglione uno: oggi sono 64, 14 in più rispetto a lunedì scorso, di cui sei in Terapia intensiva. Il bilancio del solo mese di ottobre dà l'esatta dimensione del pericoloso aumento che si sta registrando: a partire dal giorno 1 e fino ad oggi sono state ricoverate ben 89 persone, 44 donne e 45 uomini, di cui 24 provenienti dalle case di riposo.

Nello specifico, i ricoveri sono stati 17 la prima settimana, 15 la seconda e addirittura 57 la terza. In tre settimane sono stati dimessi 36 pazienti che hanno superato la malattia ma che, in parte, continuano ad essere positivi e devono quindi rispettare l'isolamento fiduciario e sottoporsi ai tamponi di controllo. Al Morelli di Sondalo, dopo l'apertura di due nuovi reparti, che si sono aggiunti a quello rimasto sempre operativo, anche quando i pazienti erano soltanto due, l'Asst è pronta a rispondere alle nuove esigenze che si dovessero manifestare nei prossimi giorni. «Uno sforzo notevole, lo stesso già profuso la primavera scorsa, per allestire i reparti, dotandoli della strumentazione necessaria per la cura dei malati covid-19, e per trasferire il personale sanitario» fanno sapere da Asst.

Tamponi

Personale dell'Azienda è impegnato nell'effettuazione dei tamponi ad alunni, insegnanti e personale della scuola: un numero cresciuto progressivamente a seguito dei casi emersi in numerose classi di diversi istituti scolastici in tutta la provincia. Per questi test sono operativi i container installati in aree esterne ai Presidi ospedalieri e territoriali presso i quali è stato organizzato il servizio con il sistema "drive through" che consente di effettuare i tamponi velocemente, senza che gli utenti scendano dall'auto e senza che si creino code.

Dal 15 settembre i test sono stati 1671, di cui 107 positivi, mentre per quanto riguarda il solo mese di ottobre si arriva a 1186. A studenti e personale della scuola si aggiungono i tamponi effettuati sulle persone che vengono ricoverate e sugli utenti del Pronto Soccorso, per un totale che dall'inizio dell'emergenza sanitaria ha superato la soglia dei 18 mila.

«Come temevamo - sottolinea il direttore generale Tommaso Saporito - l'impatto della pandemia è tornato a farsi sentire. Stiamo lavorando per fornire le risposte attese sia nell'accertamento dei casi positivi sia nella cura dei malati, cercando di mantenere l'offerta sanitaria sul territorio. Confidiamo sul senso di responsabilità dei cittadini per il contenimento dell'infezione: è importante assumere comportamenti corretti, quindi indossare la mascherina, mantenere la distanza di sicurezza e lavare o igienizzare spesso le mani. Consigliamo prudenza in ogni situazione, anche in famiglia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento