Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lombardia zona rossa, ecco il ricorso di Fontana: "L'Rt è un parametro strutturalmente in ritardo"

Il documento verrà depositato nella giornata di martedì al Tar del Lazio. La video-spiegazione con le motivazioni

"Ho predisposto il ricorso che verrà depositato al Tar del Lazio fra questa sera e domani mattina". Così il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. Nel corso del 'punto stampa' con i giornalisti, il governatore della Lombardia ha precisato: "Si impugna il decreto nella parte in cui vengono dettati i criteri per la classificazione facendo riferimento agli scenari e livelli di rischio. Sulla validità di alcuni parametri erano già stati sollevati dubbi parecchie volte in sede di Conferenza Stato Regioni". 

"Il parametro Rt - ha spiegato il presidente Fontana - è prevalente sugli altri ed è diventato ancora più invasivo dopo l'abbassamento delle soglie per entrare nelle fasce di rischio rosse, arancio e gialle. L'Rt è comunque un parametro strutturalmente in ritardo, in quanto si riferisce alla settimana dal 23 al 30 dicembre, oltre al fatto che non può essere l'unico".

"L'incidenza dei nuovi casi - ha rimarcato - è invece il parametro più aggiornato e aderente alla realtà, esiste anche un documento tecnico che lo sancisce. Corretto, dunque, sarebbe stato considerare prevalente l'incidenza dei nuovi casi rispetto agli altri parametri, o quanto meno confrontarne i dati".

Rispondendo alle domande dei giornalisti, il presidente Fontana ha ribadito che "nel sistema di monitoraggio ho sempre sostenuto l'importanza dell'incidenza su 100 mila abitanti. Un elemento che nasce non da una mia suggestione, tant'è vero che lo stesso ministero della Salute il 7 gennaio scorso ha inviato alla Conferenza delle Regioni un documento frutto di un lavoro con l'Istituto Superiore di Sanità in vista della Conferenza Stato-Regioni avente ad oggetto la revisione del sistema di valutazione e monitoraggio". 

"Un documento - ha sottolineato il presidente Fontana - nel quale viene evidenziata l'importanza di tener conto di un limite di incidenza oltre il quale adottare misure di mitigazione, a prescindere dai livelli di rischio e Rt, considerato che oltre i 300 casi per 100 mila abitanti si verifica un sovraccarico dei servizi assistenziali: noi alla data della settimana oggetto del monitoraggio 4-10 gennaio eravamo intorno a 135, quindi non in area critica, come invece molte altre regioni che sono rimaste in zona arancione".

"Sono convinto che l'applicazione più coerente e corretta dei parametri - ha concluso il governatore Fontana - dovrà coerentemente condurre la Regione Lombardia dalla zona rossa a quella arancione. Nel caso in cui il Governo desse un riscontro alle nostre richieste, saremo pronti a ritirare il ricorso".

Il virologo Pregliasco: “Non c’è un manuale del lockdown”

"Non c'è un manuale del lockdown, o un libretto d'istruzioni perfettamente definito per la classificazione delle zone rosse. Noi la patologia la inseguiamo e si possono valutare nel tempo delle correzioni e variazioni rispetto alle indicazioni originali". È la visione di Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università degli Studi di Milano. L'esperto ha commentato la scelta della Lombardia in merito a un ricorso contro il provvedimento che la colloca in zona rossa per rischio Covid, e osserva che il sistema dell'Italia a colori si basa su una metodologia che "cerca di compendiare le ragioni della salute con le ragioni dell'economia. A livello mondiale ogni nazione sta provando dal vivo soluzioni, che danno dei risultati".

"Va ribadito che stiamo ottenendo qualcosa, che lo sforzo non è banale ed è servito — ha puntualizzato —. Va però pure ricordato che il lockdown ha un limite, perché questa è una maratona e non si può pensare che la popolazione ce la faccia a mantenere la sua capacità di adesione a così lungo termine”.

“Certo la zona rossa ‘non può che fare bene’ dal punto di vista dei numeri dell'epidemia" di Covid. Ma quello che la Lombardia punta a dire è che c'è stata un'evoluzione della situazione in regione rispetto ai dati precedenti e che i valori migliorano e mostrano segnali discendenti dopo dati in salita e andrebbero valutati con una settimana d'anticipo".

Sullo stesso argomento

Video popolari

Lombardia zona rossa, ecco il ricorso di Fontana: "L'Rt è un parametro strutturalmente in ritardo"

SondrioToday è in caricamento