rotate-mobile
La prossima settimana

Sondrio e la Lombardia restano in zona gialla

Il parametro relativo ai ricoveri in terapia intensiva è ancora sotto la soglia d'allarme

La Lombardia e la provincia di Sondrio resteranno in "zona gialla" anche la prossima settimana. Ad annunciarlo il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana. Decisiva, in tal senso, l'occupazione delle terapie intensive, uno dei tre parametri considerati, insieme all'incidenza dei contagi e ai ricoveri nei reparti ordinari per determinare l'eventuale passaggio di "fascia" dei vari territori.

"Uno dei tre parametri previsti per il passaggio di zona, quello delle terapie intensive, è ancora sotto la soglia di allarme. - ha precisato Fontana - Stiamo assistendo da giorni a una riduzione del numero dei contagiati e questo ci fa ben sperare. La variante Omicron è nuova e ancora in fase di studio, vedremo come si evolverà la situazione nei prossimi giorni".

La "conta" dei pazienti covid

Lo stesso Governatore è poi tornato sulla scelta di Regione Lombardia di distinguere, nel conteggio dei pazienti ricoverati, quelli che effettivamente presentano patologie legate al covid da quelli che, pur positivi al tampone, sono ospedalizzati per altre ragioni e patologie.

"La richiesta è stata avanzata per una questione di correttezza e trasparenza. Un'informazione - ha sottolineato Attilio Fontana - che deve giungere ai nostri cittadini nel modo più corretto possibile. È evidente che esiste una differenza tra chi entra in ospedale per una patologia che dipende dal covid e chi entra per un'altra patologia, magari perché ha subito un incidente stradale e, sottoposto al tampone pre-ricovero, risulta positivo. Sono due fattispecie che, per questione di correttezza, devono essere distinte. Sappiamo che a breve si riunirà il Cts nazionale per esaminare la proposta e attendiamo di sapere cosa deciderà." 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio e la Lombardia restano in zona gialla

SondrioToday è in caricamento