Coronavirus, nuove regole sulle mascherine: obbligatorie all'aperto e multe salate per chi non le indossa

È quanto contenuto nella bozza del Dpcm con le misure per contrastare l'impennata dei contagi

 

Sanzioni salatissime per chi non indossa la mascherina e più controlli per gli arrivi dall'estero. Saranno queste le principali novità del prossimo Dpcm con le misure per contrastare l'impennata dei contagi da coronavirus. In particolare le multe per chi non rispetta le norme sulle mascherine andranno da 400 euro, che possono arrivare anche a 1000, per chi viola l'obbligo di coprire naso e bocca. Inizialmente arrivava fino a 3.000 euro, come prevedeva il decreto a marzo, ma a fine maggio quando era passata la prima emergenza è stata abbassata 1.000 euro.

Nuovo decreto per le mascherine, multe da 400 a 1000 euro

Sulle mascherine, il Dpcm dovrebbe prevedere l'obbligo di indossarla sempre sia all'aperto che al chiuso come già stabilito da alcune regioni, vedi il Lazio. Ma ci sono alcune eccezioni: si è esentati se si fa attività motoria (fermo restando il distanziamento di almeno due metri), se si va in moto o in bicicletta, se si è in auto da soli o con i congiunti. Sanzioni da 400 a 1000 per i trasgressori. Multe anche ai locali che non fanno rispettare l'obbligo di mascherine: si rischia da 400 a 1.000 euro ed inoltre si potrebbe subire anche la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell'esercizio o dell'attività da 5 a 30 giorni.

Sanzioni 400 a 1.000 euro per chi non rispetta l'obbligo della quarantena. Mentre chi ha contratto il Covid-19 ma non rispetta le restrizioni può incorrere in una sanzione penale con l'arresto da 3 a 18 mesi, oltre che in un'ammenda da 500 a 5.000 euro. Può infatti essere denunciato per epidemia colposa.

Tamponi obbligatori per chi arriva dall'estero

Una delle ipotesi al vaglio del governo e che potrebbe essere inserita nel nuovo Dpcm, prevede tamponi obbligatori per chi rientra da Gran Bretagna, Olanda, Belgio e Repubblica Ceca. Misura che andrebbe ad aggiungersi a quella già prevista per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta, Spagna, oltre che da Parigi e altre sette regioni della Francia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, il Cdm slitta ancora

Era prima slittato a mercoledì 7 ottobre il Consiglio dei ministri, inizialmente previsto per le 20.30 di martedì. Ora emerge che potrebbe slittare di una settimana. Sul tavolo dell'esecutivo la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e il nuovo dpcm con le misure di contrasto al coronavirus. In tal caso verrbbe introdotta fin da 'subito' solo l'obbligatorietà della mascherina all'aperto. La misura sarebbe inserita nel decreto con cui l'esecutivo proroga lo stato d'emergenza fino a gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morbegno piange Alberto Vinci, l'anima del Lokalino

  • Coronavirus, focolaio tra medici ed infermieri del Morelli di Sondalo dopo una festa tra colleghi

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Coronavirus a scuola, tre nuove classi (con le insegnanti) in isolamento a Livigno

  • Il coprifuoco in Lombardia è ufficiale: firmata l'ordinanza, torna l'autocertificazione

  • Livigno annuncia l'apertura della stagione invernale 2020-2021

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento