Coronavirus, in provincia di Sondrio più contagi che guariti nel fine settimana

I dati aggiornati di ATS della Montagna

Le persone della provincia di Sondrio risultate positive al tampone covid-19 dall'inizio dell'emergenza sono 1520, 13 in più rispetto a 48 ore fa. Tra i nuovi casi 12 sono riferiti a soggetti attivi, del "territorio", mentre il rimanente riguarda un ospite delle strutture protetette per anzini del territorio.

Ora globalmente i soggetti sul territorio risultati positivi al tampone orofaringeo sono 1120 mentre gli anziani delle RSA provinciali contagiati sono ancora 400.

A differenza del passato, l'ATS della Montagna non rende nota la ripartizione per comune dei contagiati ma si conosce il numero preciso delle persone ancora positive al tampone in provincia: ad oggi sono 335 i soggetti ancora contagiati dal covid-19.

Decessi e guariti

Lungo l'ultimo fine settimana, secondo l'ATS della Montagna, in Valtellina e Valchiavenna nessuno è morto a a causa del covid-19. Il totale dei periti in provincia di Sondrio sono quindi 197.

Infine, cresce ancora il numero delle persone definitivamente guarite dal coronavirus. Oggi le persone che hanno superato la malattia sono 4. Dall'inizio dell'emergenza sono 981.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Report casi 15_06-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rocambolesco incidente lungo la Statale 38, camion si ribalta perdendo il carico

  • Piateda, un'altra vittima del bosco: 51enne precipita e muore

  • Coronavirus, primo caso tra i banchi in provincia di Sondrio: chiusa una classe a Chiuro

  • Berbenno, ritrovato un cadavere nell'Adda

  • Morbegnese trovato senza vita su una panchina nei boschi della Valgerola

  • Il folle movente dietro l'omicidio di Don Roberto Malgesini, l'omicida aveva paura di esser rimpatriato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento