Coronavirus, le parole di Moretti: «I camion dell’esercito a Bergamo sono un monito. Stiamo a casa»

Il presidente della Provincia di Sondrio: «Foto che hanno fatto il giro del mondo, ma che, mentre il conto delle vittime è arrivato a 16.000, non sono state purtroppo sufficienti a convincere ancora tutti della gravità della situazione»

Arriva dal presidente della Provincia di Sondrio, Elio Moretti, un nuovo monito per non abbassare la guardia nella "battaglia" al coronavirus. Un invito accorato perchè si rispettino le regole in attesa di poter tornare alla quotidianità di prima. Una richiesta ulteriore di impegno per essere solidali e vicini a chi in queste settimane sta mettendo tutto sè stesso per superare l'emergenza. Ecco di seguito le parole Moretti:

Sono passati venti giorni dalle immagini con i camion dell’esercito a Bergamo che trasportavano le bare verso i forni crematori. Troppo pochi per far finta di niente, voltarsi dall’altra parte e pensare che le nostre azioni di oggi siano slegate dal futuro di chi potrebbe trovarsi su quei mezzi.

Foto che hanno fatto il giro del mondo, ma che, mentre il conto delle vittime è arrivato a 16.000, non sono state purtroppo sufficienti a convincere ancora tutti della gravità della situazione.

Forse mai nella storia ci siamo trovati di fronte ad un problema così complesso (e grave) che si può, se non risolvere, almeno combattere con una soluzione semplice: #IORESTOACASA.

Nel farlo non rispettiamo solo la memoria di chi in quei camion è passato, ma soprattutto, di chi ci potrebbe finire.

In un momento in cui tutti abbiamo bisogno di esempi positivi e riferimenti, forse, questi li possiamo trovare nelle migliaia di persone che hanno dedicato la propria vita affinché tutti godessimo della libertà. Un diritto che abbiamo dato troppo per scontato e che il COVID-19 dovrebbe insegnarci non esserlo.

Cercando quindi nella carta costituzionale, figlia del sacrificio di milioni di italiani, possiamo trovare un principio ricorrente, ma semplice, quanto utile anche nel 2020 per affrontate l’emergenza odierna e guidare i nostri comportamenti: la “diligenza del buon padre di famiglia”.

Dimentichiamoci per un attimo della bulimia comunicativa e cerchiamo nei valori dei nostri anziani, che sono stati in grado di farsi bastare il nulla, la stella polare delle nostre azioni.

Non è il momento di pensare alle gite di Pasqua, soprattutto in una provincia turistica come la Valtellina, ma a tutti coloro che sono in prima linea dentro e fuori gli ospedali, sulle strade e in ogni luogo pubblico. Servitori dello Stato che si stanno sacrificando per permetterci di tornare presto a riassaporare la piena libertà.

E non dimentichiamoci che esiste anche un altro virus, quello che sta intaccando il mondo produttivo, costretto a fermarsi, che merita il rispetto di ognuno di noi.

Se non rimarremo nelle nostre case si allungherà la chiusura delle aziende, e a lungo andare, ne pagheranno le conseguenze tutti, anche chi si sente garantito e pensa che lui non debba mai pagare alcun prezzo.

Oggi gli altri siamo noi.

Rispettiamo noi stessi per salvare le vite altrui: nessuno si senta escluso.

Il Presidente
Elio Moretti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, la Lombardia verso l'entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Talamona, padre e figlio in scooter non si fermano all'alt dei carabinieri: inseguiti e denunciati

  • Sci, verso la chiusura degli impianti di risalita per le vacanze: si attende la conferma del Dpcm

  • Coronavirus, Dpcm e regole per Natale 2020: niente sci in Lombardia e niente cenoni

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

Torna su
SondrioToday è in caricamento