Il Vescovo ricorda Don Renato Lanzetti: «Uomo mite e saggio. Un prete di grande esempio per tutti»

La testimonianza di affetto di monsignor Oscar Cantoni per il sacerdote originario di Torre Santa Maria deceduto a causa del coronavirus

Alle prime ore del Mercoledì Santo, don Renato Lanzetti, vicario generale della Diocesi di Como, è tornato alla Casa del Padre. Si trovava ricoverato all’Ospedale di Vigevano. Complicazioni sopraggiunte a causa del contagio da coronavirus Covid-19 avevano reso necessario, nei giorni scorsi, il trasferimento presso il reparto di terapia intensiva di quella città.

A dare l’annuncio ai sacerdoti e ai collaboratori della Diocesi è stato, alle prime ore del mattino, il Vescovo monsignor Oscar Cantoni: «Il Signore ha chiamato a sé il nostro don Renato Lanzetti. Accompagniamolo nella preghiera». 

Il necrologio, in memoria del Vicario generale, è firmato dal Vescovo Oscar Cantoni con il Vescovo emerito Diego Coletti. Insieme al presbiterio e all’intera Diocesi di Como, i presuli affidano don Renato Lanzetti alla Misericordia di Dio e lo ricordano come «uomo mite e saggio, dedito con passione e umiltà al servizio dei fratelli, offrendo sempre grande esempio di obbedienza alla Chiesa e amore ai sacerdoti». Riconoscenti al Signore per il bene da lui profuso «porgono condoglianze ai familiari e ai fedeli delle comunità che lo hanno avuto come pastore generoso e fedele».

Don Renato «era un vero uomo di Dio – ribadisce ancora il Vescovo Oscar, profondamente addolorato per questo lutto –. Era innamorato del Signore Gesù. Un appassionato servitore della Chiesa, sollecito verso tutti, soprattutto i sacerdoti. La sua è stata una vita nel segno dell’obbedienza. Un prete di grande esempio per tutti».

La notizia della morte di don Renato ha raggiunto tutta la Chiesa di Como. Molteplici sono state le attestazioni di stima e grande è il dolore per la sua scomparsa. Accanto a lui, all’Ospedale di Vigevano, nel pomeriggio di martedì 7 aprile, quando le sue condizioni si sono aggravate, c’era il cappellano don Osvaldo Andreoli. Questa è la sua testimonianza: «Ho fatto visita a don Renato al mattino e poi alle 16.30. Sono rimasto accanto a lui fino alle 17.00, esprimendo con preghiere e carezze la presenza del suo Vescovo, del presbiterio diocesano, di tutti i suoi familiari, amici e conoscenti. Dio doni a lui il premio promesso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biografia

Don Renato è nato a Torre Santa Maria (So) il 10 novembre 1952. Ordinato sacerdote il 26 giugno 1976, è stato vicario a Livigno (So) dal 1976 al 1989, parroco a Lanzada (So) dal 1989 al 2009 e successivamente a Grosio (So) e Ravoledo (So) dal 2009 al 2017, quando il Vescovo Oscar, a partire dal 1° settembre di quello stesso anno, gli ha affidato l’Ufficio di Vicario generale, chiamandolo come suo primo e diretto collaboratore alla guida della Diocesi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga, arrestati quattro insospettabili

  • Elezioni comunali 2020, al voto 8 comuni della provincia di Sondrio: lo spoglio in diretta

  • Coronavirus, in provincia di Sondrio gli studenti positivi sono due

  • Ecco l'autunno: freddo, neve e grandine in provincia di Sondrio

  • Elezioni Comunali 2020 a Talamona: risultati e consiglieri comunali eletti

  • Elezioni Comunali 2020 a Madesimo, San Giacomo Filippo e Novate Mezzola: risultati e consiglieri comunali eletti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento