menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dentro e fuori l'ospedale di Sondrio senza i necessari controlli covid-19. La denuncia

Il capogruppo di Sondrio Democratica, Francesco Bettinelli: «Per accedere alla struttura ospedaliera non ci sono controlli sanitari. In tanti sono riusciti ad accedere ai reparti senza che qualcuno chiedesse loro il motivo dell'accesso, e senza che gli venisse misurata la temperatura corporea»

La situazione all'interno dell'ospedale civile di Sondrio continua a preoccupare. Nonostante l'emergenza coronavirus sia scoppiata già da diverse settimane, presso il nosocomio del capoluogo, le misure messe in atto per tutelare pazienti e personale sanitario dal contagio da covid-19 sarebbero del tutto inesistenti. A denunciare la situazione il capogruppo della lista civica Sondrio Democratica, Francesco Bettinelli.

«In queste giornate di emergenza da coronavirus leggo e mi giungono testimonianze di accessi indiscriminati all’ospedale di Sondrio. Sembrerebbe, infatti, possibile accedere alla struttura ospedaliera senza quel controllo sanitario che ci si aspetterebbe in questo periodo. In molti hanno riportato di essere riusciti ad accedere ai reparti senza che qualcuno chiedesse loro il motivo dell'accesso, e senza, peraltro, che venisse misurata loro la temperatura corporea. Una libertà di accesso e di spostamento all'interno dell'ospedale che spaventano» ha denunciato Bettinelli.

La lettera al sindaco

«Alla luce di queste preoccupanti informazioni ho scritto al Sindaco di Sondrio, Marco Scaramellini, per richiedere un suo intervento al fine di verificare, con i vertici dell'ASST Valtellina e Alto Lario, la veridicità di quanto raccontato da più cittadini, oltre che valutare le motivazioni che hanno portato a tali scelte. Se tutto fosse confermato, la situazione sarebbe grave e pericolosa» ha rimarcato il consigliere di minoranza.

Sono settimane che, all'interno del dibattito pubblico, si parla della situazione all'interno dell'ospedale del capoluogo. «Dopo le inefficienze iniziali speravo sinceramente che la situazione all’interno dei presidi ospedalieri fosse migliorata, ma una tale condotta continua ad esporre quotidianamente i pazienti, i medici, gli infermieri e tutti coloro che in ospedale lavorano, e che tutti giustamente continuiamo e ringraziare per il coraggio e la dedizione messa in campo in queste settimane, a un costante pericolo. Senza dimenticare, e ne ho le prove, che persista all'interno dell'ospedale di Sondrio la mancanza di Dispositivi di Protezione Individuale (mascherine, camici etc) per il personale» ha aggiunto il rappresentante di Sondrio Democratica.

Tutti i limiti della gestione covid-19

Bettinelli, poi, avanza un dubbio ampiamente diffuso tra la popolazione: «Mentre a noi viene chiesto di rimanere diligentemente a casa non si fa abbastanza per tutelare una struttura nella quale ogni giorno diversi cittadini si recano, loro malgrado, per farsi curare per altre patologie non legate al covid-19, trovandosi così esposti a un rischio ancora più alto».

La genorosità dei valtellinesi

«I valtellinesi stanno dimostrando estrema generosità, il volontariato locale si sta dimostrando come sempre di altissimo valore e chi non ha potuto mettere a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità ha spesso dato un contributo economico con il preciso intento di aiutare chi lavora sul campo. È giusto quindi aspettarsi un uso immediato e responsabile di quelle risorse e un’azione decisa e efficace a tutela di un luogo tanto importante per la salute della popolazione» ha concluso Bettinelli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento