Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lombardia "zona rossa", «Per due settimane non si potrà chiedere un allentamento per determinati territori»

Il presidente lombardo Attilio Fontana smentisce chi parlava della possibilità di sgravare le province meno "toccate" dalla pandemia dalle restrizioni più vincolanti: «Basta fake news»

 

La Lombardia può modulare le misure da "zona rossa" all'interno del suo territorio? Può cioè escludere dalla restrizioni più impegnative le province meno "toccate" dalla pandemia? Secondo il presidente lombardo Attilio Fontana non si può, almeno per le prossime due settimane. «Si stanno diffondendo da questa mattina notizie false che creano confusione che provoca sicuramente uno stato di incertezza e agitazione nei cittadini lombardi, del quale sicuramente non hanno bisogno» ha detto il presidente della Regione Lombardia.

«L’ordinanza firmata ieri dal ministro Speranza – ha aggiunto - ha decretato la zona rossa su tutto il territorio regionale, senza alcuna possibilità di deroga. Solo successivamente, dopo almeno due settimane, sulla scorta dell’evoluzione della situazione è possibile per i presidente di Regione chiedere delle misure di allentamento per determinati territori. Questa interpretazione del Dpcm mi è stata confermata ieri al telefono dallo stesso ministro».

«Colgo questa occasione – ha concluso Fontana - per dire ai cittadini lombardi che già hanno fatto dei grandi sacrifici, che dobbiamo ancora tenere duro per un po’. Agli imprenditori che subiranno un altro duro colpo dal lockdown delle loro attività garantisco che non arretrerò di un passo finché il governo non avrà erogato le risorse promesse ed effettuato i ristori. Soprattutto voglio ringraziare anche tutto il personale sanitario su cui ancora una volta pesa il lavoro più faticoso».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SondrioToday è in caricamento