Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, «numeri elevati in provincia di Sondrio, soprattutto in Alta Valle»

Il punto della situazione in Valtellina e Valchiavenna nella seconda ondata della pandemia. L'intervista a Lorella Cecconami, Direttore generale di ATS della Montagna

 

La seconda ondata della pandemia da coronavirus è giunta anche in provincia di Sondrio. Lo testimonia ampiamente il numero dei nuovi soggetti positivi al tampone in continua crescita, giorno dopo giorno, oramai da diverso tempo (leggi qui). A confermarlo è anche il Direttore generale di Ats della Montagna, Lorella Cecconami.

Una situazione difficile da gestire, seppur non come in altre realtà della Lombardia (Milano e Varese su tutti), che vede ATS operativa su diversi fronti per cercare di fronteggiare il diffondersi del covid-19. Dalla condizione degli anziani nelle rsa di Valtellina e Valchiavenna, all'ostica mappatura dei contatti dei soggetti positivi al coronavirus, soprattutto in Alta Valle, passando per le Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA) fino al vaccino antinfluenzale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
SondrioToday è in caricamento